IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

“Porta a Porta” alla Riva Letta:”Cerchiamo soluzioni”

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa rabbia dei lavoratori della Riva Acciaio di Caronno Pertusella è esplosa lunedì sera in diretta televisiva, durante "Porta a Porta", il noto talk show di Raiuno. Bruno Vespa ha dato loro la possibilità di confrontarsi con il presidente del consiglio Enrico Letta, ospite della puntata andata in onda in seconda serata e registrata alle 18.30 con collegamenti dallo stabilimento di via Bergamo. Gli operai, con cori e slogan, hanno chiesto a gran voce di poter riprendere a lavorare, hanno gridato che "siamo stanchi delle parole, dei problemi fra Governo e magistratura. Vogliamo solo che ci ridiate il nostro posto, perché dobbiamo sfamare le nostre famiglie". Più volte, infatti, è stato ribadito che l'azienda di Caronno, come quelle degli altri plessi del Gruppo Riva, ha commesse e lavora a pieno ritmo e che "di questo passo i nostri committenti si rivolgeranno altrove e chiuderemo davvero".

Il premier Letta ha spiegato che "la vicenda dell'IIva di Taranto è diversa da quella della Riva Acciaio. In quel caso, attraverso il commissariamento, siamo riusciti a far riaprire la fabbrica, ma qui c'è di mezzo un sequestro dei beni delle altre aziende del gruppo, ancora in atto in queste ore. Siamo impegnati da sabato scorso con la famiglia Riva perché torni suoi passi, senza rivalersi sui lavoratori chiedendo la cassa integrazione, e continueremo a fare pressioni. Stiamo fra l'altro valutando se sussistono i termini giuridici per procedere come a Taranto, ma non essendoci un danno ambientale non sembra possibile: commissariare gli stabilimenti potrebbe portare la proprietà a ricorrere e se un giudice le desse ragione saremmo punto e a capo". Il premier ha comunque assicurato che il Governo non si dimenticherà dei 1500 operai e che sta tentando ogni strada per farli tornare al lavoro.

Rabbia e delusione fra i lavoratori, per nulla soddisfatti delle risposte. Al punto che è riscoppiata la protesta e alla fine Vespa ha sospeso il terzo collegamento. Non è chiara la questione dei conti correnti bloccati dalla magistratura di Taranto: secondo la famiglia Riva questo provvedimento impedisce di pagare gli stipendi, ma il premier Letta ha dichiarato:  "A me non risulta". E' evidente che sulla vicenda regna ancora molta confusione.

 

TI POTREBBE INTERESSARE...

A Caronno finestre chiuse per le puzze: lanciata u... Tutti a turarsi il naso. A Caronno Pertusella, dopo le continue polemiche per le puzze che si avvertono in varie zone della città, è stata lanciata un...
Trucco dell’abbraccio: le rubano collana e&#... L'ha abbracciata fingendo di ringraziarla per averle fornito un'informazione stradale, riuscendo così a derubarla senza che se ne accorgesse.  Ha fatt...
Sparo davanti alla discoteca: sospesa l’atti... Sospensione dell’attività per quindici giorni: questo il provvedimento emesso dal Questore di Varese, ai sensi dell’art. 100 del TULPS (Testo unico de...
Grave dopo un incidente: sospetto infarto alla gui... Si sospetta un infarto alla guida, all’origine dell’incidente accaduto questo pomeriggio a Caronno Pertusella, in via Dante. Secondo una prima rico...
Fermato l’esibizionista di Caronno: denuncia... Da giorni correva voce che i carabinieri della Compagnia di Saronno fossero sulle tracce dell’esibizionista di Caronno Pertusella, che nelle ultime se...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


notiziario prima pagina

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !