IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Un mese vissuto in Africa ad aiutare i bambini

Untitled-1

Alberto, Lorenzo e Roberto nella missione in Costa D’Avorio

Quattro ragazzi di Bollate, tutti tra i 20 e i 23 anni, lo scorso mese di ago­sto hanno rinunciato alle loro vacanze per andare a lavorare in missione in Africa. Una scelta corag­giosa, che tuttavia li ha arricchiti pro­fondamente, come loro stessi ci hanno spiegato quando, nei giorni scorsi, li abbia­mo incontrati nella sede del Notiziario per farci raccontare la loro esperienza.

I quattro protagonisti di questa esperienza sono Susanna Bin, Alberto Di Benedetto, Lorenzo Beretta e Roberto Mitrano, tutti di Bollate e tutti appartenenti al gruppo missionario che ruota attorno alla parrocchia San Martino. Susanna si è recata in Etiopia, gli altri tre in Costa d’Avorio.

Come è nata questa vostra scelta?

Abbiamo partecipato ai corsi dei missionari cappuc­cini – ci spiegano – , cinque incontri in cui gente che è già andata in missione porta la sua testimonianza preparan­doti a ciò che puoi trovare. Alla fine del corso puoi scegliere se partire o no”.

Avete scelto voi la meta? Sì, l’ultimo giorno ti dicono quali mete sono possibili, dopo di che puoi scegliere: dal Brasile all’India, dalla Thailandia al Camerun, dal Kenya al Guatemala. La scelta è influenzata da quello che devi andare a fare: in alcuni casi vai in ospedale, in altri con i bambini o con le persone disabili…”.

Alberto, Lorenzo, Roberto, com’è stata la vostra espe­rienza in Costa D’Avorio?

Siamo andati a fare anima­zione per i bambini. Siamo arrivati nella capitale, poi ci siamo spostati a Zouan- Hounien, che è a 500 chilo­metri, un villaggio che è quasi una città, dove c’è un grande convento. In quel periodo è importante seguire i bambini perché la famiglia è nei campi a lavorare. I bambini arrivava­no alla mattina verso le 9,30, i frati gli tenevano le lezioni e noi li seguivamo, nelle pause facevamo dei giochi e intrat­tenimento”.

Come avete trovato la situazione lì?

Lì era bellissimo rispetto a quello che c’era fuori, perché quando abbiamo visitato altri villaggi abbiamo visto che non hanno niente. Lì era diverso…”.

Come esperienza cosa vi ha dato?

Di solito quando si va in Africa si dice che quando torni è più ciò che hai ricevuto di quello che hai dato, in effetti è stato davvero così, è un’espe­rienza che vorremmo ripetere e la rifaremo di sicuro”.

Cosa c ’ è di diverso rispetto a chi intrattiene i bambini i n Italia?

E’ diverso, sono bambini che non hanno nulla e non si lamentano mai per quello che non va. Il semplice sorriso che ti fanno è qualcosa che ti arricchisce”.

Susanna, come mai tu hai scelto l’Etiopia?

La mia idea iniziale era di andare in Camerun, poi non è stato possibile per cui, visto che faccio parte del ‘Seme della speranza’ e alcuni avevano fatto l’esperienza in Etiopia, ho scelto quella. E’ un Paese stupendo con una natura ricchissima. Siamo atterrati nella capitale e subito ho notato una diseguaglian­za sociale impressionante: la ricchezza con i grattaceli moderni e accanto le barac­copoli. Con i bambini di strada. La missione era a Dubbo, un villaggio nella regione del Volaita, 500 chilometri a sud. Noi alloggiavamo dai frati e lì facevamo animazione con i bambini ma alla mattina in­segnavamo anche a scuola: d’estate c’era un corso libero di Inglese e Italiano e noi insegnavamo”.

E a te che cosa ha dato questa esperienza?

Sicuramente quando sei là ti rendi conto che ti danno tanto. Questa esperienza mi ha fatto pensare: noi ci lamentiamo per la crisi, ma in realtà abbiamo tanto. Lì sanno apprezzare molto di più anche se hanno molto meno”.

Alberto è geo­metra, Roberto studia fisiote­rapia, Lorenzo studia informa­tica, Susanna S c i e n z e d e l servizio sociale. Abbiamo chiesto loro quanto que­sta esperienza sia stata utile anche nel loro lavoro o nei loro studi.

Può aiutarmi nei miei studi in ambito sociale specie se avrò a che fare con gli immi­grati”, ci spiega Susanna.

Roberto ci dice: “Studiando fisioterapia, sicuramente ho avuto modo di vedere alcune situazioni che mi hanno potuto arricchire”.

Lorenzo invece ci spiega che “ non l’ho fatto pensando ai miei studi, l’ho fatto per arricchirmi dal punto di vista umano”.

Infine Alberto, che già lavo­ra: “Oltre all’aspetto umano, riscontrare diversità a livelli edili è stato interessante, poi ho visto tante tipologie diverse di edifici in base alla ricchezza”.

Ci volete tornare?

Roberto: “Sì e nello stesso posto perché è come se avessi fatto un patto con quei bambini. Lo vedo quasi come un dovere nei loro confronti, per il clima che si è creato”.

Lorenzo: “Anch’io voglio tornare nello stesso posto, per rispetto non solo ai bambini ma anche ai frati. Se tornerò, sarà sicuramente lì”.

Susanna: “L’esperienza è stata stupenda e per questo tornerei, però c’è il rischio che dopo un’esperienza così bella magari non va altrettanto bene… La mia curiosità mi spinge ad osservare anche altre realtà”.

Alberto: “Io vorrei tornare, ma da qualche altra parte. Ci siamo trovati benissimo, però voglio provare qualcosa di diverso”.

Se qualcuno volesse avvicinarsi a questa espe­rienza, può contattare i frati cappuccini attraverso il sito www.missioni.org. I corsi cominciano a gennaio e non sono impegnativi: un sabato ogni 15 giorni. E sono aperti anche ai non credenti.

TI POTREBBE INTERESSARE...

Fashion blogger bollatese alla Nike Women’s Run Micol Uberti, fashion blogger bollatese, ha partecipato venerdì scorso alla Nike Women’s Run, “un evento molto intenso, sia...
Simone Calasso, la stella del Bollate Baseball che... Simone CalassoE’ Classe 1996 il nuovo talento dello sport bollatese: Simone Calasso, promettente prima e terza base di baseball, è sta...
Ritrovato ad Arese lo Yorkshire da 2mila euro La storia di Chupita, un simpatico Yorkshire appartenente a una famiglia di Novate, ha appassionato nelle scorse settimane diverse persone tra Boll...
Bollate: “L’alcool mi ha rovinato la v... Due settimane fa sulla prima pagina del Notiziario abbiamo pubblicato un articolo in cui trattavamo il tema dell’alcoolismo e dell’abba...
Bollate, lo spettacolare presepe di Rosetta In via Garbiera a Bollate c’è un appartamento in cui il Natale comincia... a maggio. Sì, avete letto bene, a maggio, perc...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


notiziario prima pagina

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !