IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Perde la casa dopo 30 anni: “In Italia non c’è giustizia”

uomoUn uomo di 61 anni rischia di finire sulla strada perché ha perso la casa… dopo 30 anni. E' una vicenda che ha dell'incredibile quella che vede protagonista Giuseppe Melis, 61enne di Caronno Pertusella, che se la prende con la giustizia italiana e lancia un appello alle istituzioni per chiedere aiuto: “Vivendo solo non ho famiglia, ma non ho nessun altro posto dove andare a vivere: che cosa ne sarà di me? Rischio di finire sotto i ponti”. 

Dopo avere lavorato alla costruzione di un condominio di via Pio XI, era stato “compensato” con uno degli appartamenti di 85 metri quadrati (valore 140 milioni di vecchie lire). Nel 1985, fallita l'impresa di costruzioni, il curatore fallimentare gli aveva riconosciuto la casa che gli era stata “promessa”: “Infatti aveva emesso una fattura di quietanza che attestava che l'alloggio era stato pagato integralmente – spiega Melis – La banca creditrice del mutuo gravante sul condominio aveva quindi rilasciato un atto notarile con cui dichiarava la revoca di ogni eventuale credito sull'appartamento. Così, avendo in mano tutti i documenti, avevo potuto rogitare entrando in possesso della casa”. Cinque mesi dopo, inaspettatamente, la banca aveva sostenuto di vantare ancora crediti sull'abitazione e il curatore fallimentare aveva chiesto al tribunale di invalidare l'acquisto dell'abitazione. Fatto sta che in primo grado il verdetto è stato a favore del curatore, successivamente confermato dalle sentenze di appello e Cassazione.

Di qui l'epilogo di questi giorni. Tornato a casa dal lavoro, l'uomo ha trovato i sigilli alla porta: staccato il pannello della blindatura, era stata estratta la serratura chiudendola con un catenaccio. Scioccante, per lui, non poter rientrare nel suo appartamento.a“Ma che giustizia c'è in Italia? – sbotta – Com'è possibile togliere a un uomo una casa che ha comprato senza tenere conto della regolarità di tutti gli atti che ha in mano?”.

 

TI POTREBBE INTERESSARE...

Si scioglie l’associazione dei commercianti:... Si è sciolta l’associazione dei commercianti Distretto 21042 di Caronno Pertusella e a farne le spese sono… le luminarie: niente luci di Natale, quest...
L’acqua di Caronno torna potabile: revocata ... Dopo una settimana in cui a Caronno Pertusella bisognava bollire l’acqua, è stata revocata l’ordinanza del sindaco Marco Giudici: le ultime analisi ch...
Superdì, accordo per vendere 15 negozi; per ora fu... Venduti i primi 15 negozi della catena Superdì-Iperdì. Accordo raggiunto nella notte, poche ore prima dell’incontro al Ministero dello Sviluppo eco...
Al via a Caronno una scuola di arabo: “Per i... Con una delibera approvata nei giorni scorsi, la giunta di Caronno Pertusella ha accolto la richiesta dell’associazione Attadamun di Solaro di mettere...
Palloncini colorati e striscioni per dire addio al... Tanti palloncini bianchi e dorati, fatti volare in cielo fra gli applausi e, in sottofondo, le commoventi note dell’“Hallelujah". E’ così che l...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


prima pagina notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !