IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Il “pizzo” legalizzato dello Stato

Se un imprenditore riceve una lettera da un Comune o da un qualsiasi Ente pubblico, che comincia così: “In ottemperanza al DL 24 aprile 2014, n. 66”, già gli viene normalmente l'orticaria, ma se poi va più a fondo della questione, non si esclude anche il travaso di bile.

Il Decreto legge in questione infatti, tra le tante cose, ha autorizzato tutti gli enti pubblici a ridurre gli importi dei contratti in essere per la fornitura di beni e servizi nella misura del 5% per tutta la durata residua dei contratti medesimi.

Cioè: sebbene esista un contratto firmato e registrato che impegna il Comune a pagare 1000 euro l'artigiano, l'ufficio, la piccola impresa, il professionista, per il lavoro svolto, ora il Comune è legittimato a versarne solo 950. Se all'imprenditore non va bene, entro 30 giorni può sciogliere il contratto. Viene dunque introdotta ufficialmente una sorta di “pizzo” legalizzato, quell'orribile sistema con cui la malavita organizzata impone agli imprenditori di versare una quota per avere “protezione”. Lo Stato (in tutte le sue sfaccettature), sostanzialmente disconosce i contratti che ha firmato. La firma e il timbro che corredano l'accordo stipulato magari un anno prima, o anche solo il giorno prima, non valgono più nulla. Dice: “Per ridurre i costi della pubblica amministrazione”. Già, togliendo il 5% a tutti, indistintamente, lasciando invece che i ladri, dentro e fuori la pubblica amministrazione, continuino a farla franca.   

Gabriele Bassani 

TI POTREBBE INTERESSARE...

Lo sciopero dei cuochi La notizia è di quelle che possono far sorridere, ma che nascondono in sé qualcosa di preoccupante. A Las Vegas, capitale americana del gioco d’azza...
Le colpe dei padri Le colpe dei padri non dovrebbero mai ricadere sui figli, è una regola fondamentale della civiltà umana. In Italia, invece, accade proprio il contrari...
Il casellante dell’autostrada Una volta, viaggiando in autostrada, si arrivava al casello di uscita e si trovava il casellante che ci faceva pagare il dovuto. Era un’operazione cos...
Noi stiamo con gli Alpini Domenica scorsa c’è stata la grande Adunata degli Alpini a Trento, una festa che ha coinvolto 300mila persone in un clima di genuina festa, perché gli...
L’uomo deve saper usare il martello C’è una mia amica che sostiene che “un uomo vero deve saper usare il martello”. Non sorridete, non ci sono doppi sensi nelle sue parole, nella sua gen...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


notiziario prima pagina

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !