IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Ma… come educhiamo i nostri figli?

Nelle scorse settimane sono venuto a conoscenza di due episodi, riguardanti incidenti stradali, che mi hanno lasciato molto perplesso.

Nel primo caso una donna è stata tamponata da un ragazzo, classico incidente di distrazione, nulla di grave. Il ragazzo era sinceramente pronto ad ammettere le proprie colpe, invece, qualche giorno dopo, l’automobilista tamponata si è vista arrivare una dichiarazione dei genitori del ragazzo in cui si “storpiavano” l’accaduto e le responsabilità.

Nel secondo caso una persona è stata investita da un giovane: il padre del ragazzo investitore ha fatto una telefonata non certo amichevole alla famiglia della vittima per convincerla “a non creare problemi”.

Ora: che educazione hanno dato i genitori a quei ragazzi che hanno causato i due incidenti? Una volta se commettevi un errore tuo padre ti dava uno scappellotto e ti insegnava che dovevi pagare per il tuo sbaglio. Era il modo migliore per far crescere un giovane. Adesso i genitori non sanno più fare i genitori, difendono scioccamente i loro figli come se fossero eterni bambinoni, insegnano loro che è meglio mentire e minacciare piuttosto che assumersi le proprie responsabilità. Ma che educazione diamo così ai nostri figli? Che uomini diventeranno questi giovani domani?

Piero Uboldi

TI POTREBBE INTERESSARE...

Trump ci manda in bolletta Ci sono molti italiani che sono rimasti entusiasti per i primi mesi di presidenza di Trump negli Usa. Entusiasti perché “è uno ...
I taxi del mare In questi giorni in Italia si parla dei “taxi del mare”, le navi gestite da Ong che vanno a prendere i migranti ai confini delle acque l...
La legge elettorale I cittadini francesi domenica sono andati alle urne per eleggere il nuovo presidente. La Francia ha un sistema diverso dal nostro, da loro il presi...
Torquato Tasso e il taxi L’etimologia è una scienza  estremamente affascinante, quasi un’arte: studia l’origine delle parole, anc...
Com’è complicato scrivere la verità L’evento è di quelli che noi giornalisti abbiamo il dovere di frequentare per obbedire alla legge che impone, a chi fa il nostro mesti...
CONDIVIDI !