IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

La mafia tra noi

Martedì ho partecipato a una serata intensa e frastornante, un incontro con Adriana Musella, il cui padre fu dilaniato dal tritolo mafioso nel 1982, e Giulio Cavalli, artista che da anni denuncia i soprusi della criminalità organizzata.

Due ore palpitanti in cui questi combattenti, che lottano contro la mafia e vivono sotto scorta, hanno raccontato un'Italia che non si vede nei telegiornali. Ne sono uscito ferito e perplesso. Ferito dalle parole taglienti dei due protagonisti, che hanno spiegato come la mafia sia radicata tra noi e che noi stessi la alimentiamo ogni volta che ci giriamo dall'altra parte davanti a un sopruso; perplesso nel sentir dire che la mafia è molto infiltrata nelle istituzioni, che i boss che in tv vediamo arrestati dalle forze dell'ordine sono quasi tutti fuori dalla galera, che la rigidità di un tempo si è allentata, che parlare di antimafia oggi dà quasi fastidio, come se fosse un qualcosa da lasciare tranquillo.
Ho avuto l'impressione, dopo quella serata, che in Italia viviamo in un grande “Truman show” dove ci fanno vedere solo quello che vogliono, dove ci fanno credere una realtà diversa da quella che è la verità, dove i morti per mafia si dimenticano in fretta, dove ci illudono che i boss alla Totò Riina siano i veri capi mafia, mentre i veri capi sono ben altri, con ben altro livello culturale.

Ho avuto la sensazione che l'Italia sia un Paese malato fino alle radici, che non ci sia speranza. A meno che tutti cambiamo, che usciamo dalla logica delle raccomandazioni, delle scorciatoie e dei favori, per diventare uomini e donne veri. Ma questo oggi è solo un sogno, sono solo parole.
Piero Uboldi

TI POTREBBE INTERESSARE...

Noi stiamo con gli Alpini Domenica scorsa c’è stata la grande Adunata degli Alpini a Trento, una festa che ha coinvolto 300mila persone in un clima di genuina festa, perché gli...
L’uomo deve saper usare il martello C’è una mia amica che sostiene che “un uomo vero deve saper usare il martello”. Non sorridete, non ci sono doppi sensi nelle sue parole, nella sua gen...
Muoia Sansone, con tutti i filistei Da due mesi esatti in Italia stiamo assistendo a un triste spettacolo: le forze politiche cercano di accordarsi per formare un governo, però non ci ri...
I preti, i baristi e… i cani Una volta nella nostra società i sacerdoti avevano un ruolo fondamentale, un ruolo di confessori ma anche di saggi consiglieri, sempre tenuti al sacro...
Londra è peggio di Napoli Secondo voi è più pericoloso vivere a Napoli o a Londra? Io penso che a qualunque persona di buon senso venga da dire: a Napoli! Invece non è così, Lo...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


prtima pagina notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !