All’Ospedale di Saronno acqua fredda nei reparti

2904SarOspedaleWebDai rubinetti scende acqua gelata e ai pazienti ricoverati tocca scegliere: trascurare l'igiene personale o rischiare o sopportare brividi che potrebbero anche aggravare le loro condizioni. Succede da mesi (mesi) all'Ospedale di Saronno, settimo piano del padiglione centrale, reparto degenza riabilitativa.

Qui vengono ricoverati pazienti in uscita da altri reparti, che necessitano di qualche giorno di recupero prima di poter essere dimessi: chi prosegue le terapie farmacologiche e gli esami diagnostici, chi deve svolgere esercizi di fisioterapia dopo interventi chirurgici. Ma son giorni che non si possono dimenticare facilmente, in quello che è probabilmente tra i reparti messi peggio nell'intero presidio ospedaliero di Saronno. Il problema della mancanza di acqua calda è noto da molti mesi.

Pare che la causa siano ripetute perdite e mancate sostituzioni alle pompe che alimentano questo piano. “Quasi ogni giorno chiamiamo la manutenzione, attraverso il call center con il quale si deve stare al telefono anche 10 o 15 minuti” -spiegano le infermiere, che naturalmente chiedono l'anonimato. “Dalla manutenzione salgono gli addetti, il cui intervento consiste nell'aprire contemporaneamente tutti i rubinetti del reparto e lasciando scorrere l'acqua per diversi minuti, fino a quando arriva finalmente calda”. Ogni giorno, per mesi. Migliaia, se non milioni di litri d'acqua. Perchè la linea non funziona come dovrebbe. Ma non è l'unica cosa a non funzionare qui.

LEGGI DI PIU' SULL'EDIZIONE DIGITALE