IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Com’è complicato scrivere la verità

L’evento è di quelli che noi giornalisti abbiamo il dovere di frequentare per obbedire alla legge che impone, a chi fa il nostro mestiere, l’obbligo di una formazione professionale costante.

Nell’aula 211 dell’Università Statale di Milano va in scena il corso “Come i media trattano l’argomento migrazioni e minoranze”, con la partecipazione di docenti universitari e colleghi esperti sul tema. L’assunto di base è: ci sono giornali brutti, sporchi e cattivi (quasi tutti, a detta dei relatori. Partendo da “Libero”, fino al “Corriere della Sera” e alla “Stampa”) che seminano odio per il semplice fatto di impiegare nei propri articoli di cronaca parole “inappropriate”.

Quali? “Immigrato clandestino”, ad esempio. Se la persona in questione commette un reato, che so, uno stupro o una rapina, il giornalista che lo definisce “immigrato clandestino” o “rom” (anche se lo è) fa della cattiva informazione. “E perché mai?”, ci si chiederà. Perché, spiegavano gli stessi studiosi e giornalisti coscienziosi, “indicare, senza che ce ne sia motivo, la provenienza, o peggio ancora, la ‘razza’, di una persona che commette un reato, vuol dire solo creare pregiudizi errati e risentimento”. Quindi, meglio usare parole come “uomo”, “donna”, o meglio ancora “persona” (quando l’indicazione di genere potrebbe creare un ulteriore pregiudizio nei confronti dell’essere uomo o donna).

Applausi e complimenti, alla fine della lezione, con la consueta firma del foglio di partecipazione. E il diritto sacrosanto di informare le persone sulla realtà? Beh, quello l’abbiamo visto abbandonare l’aula molto prima. A gambe levate.

Alberto Finotto

TI POTREBBE INTERESSARE...

Non è vero, l’Europa non è un po’ più ... A metà giugno scrivevamo su questa stessa pagina un editoriale in cui annunciavamo che, finalmente, l’Europa ora è un po’...
Perchè solo l’Italia non può chiudere i porti? Il Partito democratico, dopo la sconfitta alle ultime elezioni amministrative, l’ha finalmente capito: gli Italiani sono seriamente ...
L’intelligenza artificiale La Nasa utilizzò i primi calcolatori elettronici (chiamiamoli pure computer) negli anni ‘60 per calcolare traiettorie e orbite corrett...
Si vive più a lungo nella nebbia che non al sole Molti dicono che al sud si viva meglio che non al nord, grazie al sole, al clima, alla natura, all’aria buona, ai prodotti genuini… E&r...
Ora l’Europa è più unita Ieri, giovedì 15 giugno 2017, è stata una giornata importante per chi crede davvero in un’Europa Unita. Non ci sono sta...
CONDIVIDI !

La nuova edizione è già disponibile!

Acquistala in edicola !

Oppure sfogliala in formato digitale

Scarica la nostra App gratuita