IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Com’è complicato scrivere la verità

L’evento è di quelli che noi giornalisti abbiamo il dovere di frequentare per obbedire alla legge che impone, a chi fa il nostro mestiere, l’obbligo di una formazione professionale costante.

Nell’aula 211 dell’Università Statale di Milano va in scena il corso “Come i media trattano l’argomento migrazioni e minoranze”, con la partecipazione di docenti universitari e colleghi esperti sul tema. L’assunto di base è: ci sono giornali brutti, sporchi e cattivi (quasi tutti, a detta dei relatori. Partendo da “Libero”, fino al “Corriere della Sera” e alla “Stampa”) che seminano odio per il semplice fatto di impiegare nei propri articoli di cronaca parole “inappropriate”.

Quali? “Immigrato clandestino”, ad esempio. Se la persona in questione commette un reato, che so, uno stupro o una rapina, il giornalista che lo definisce “immigrato clandestino” o “rom” (anche se lo è) fa della cattiva informazione. “E perché mai?”, ci si chiederà. Perché, spiegavano gli stessi studiosi e giornalisti coscienziosi, “indicare, senza che ce ne sia motivo, la provenienza, o peggio ancora, la ‘razza’, di una persona che commette un reato, vuol dire solo creare pregiudizi errati e risentimento”. Quindi, meglio usare parole come “uomo”, “donna”, o meglio ancora “persona” (quando l’indicazione di genere potrebbe creare un ulteriore pregiudizio nei confronti dell’essere uomo o donna).

Applausi e complimenti, alla fine della lezione, con la consueta firma del foglio di partecipazione. E il diritto sacrosanto di informare le persone sulla realtà? Beh, quello l’abbiamo visto abbandonare l’aula molto prima. A gambe levate.

Alberto Finotto

TI POTREBBE INTERESSARE...

Promesse elettorali Questo articolo non vuole essere né di sinistra né di destra né grillino, vuole solo chiedere a tutti di usare il cervello. Le elezioni si avvicinano ...
Buon 2018 tra bollette elettriche e sacchetti bio Il nuovo anno non si apre sotto una buona stella: lo spread ha ricominciato a salire (ciò significa più interessi che deve pagare lo Stato e dunque pi...
Buon Natale ! Che sia un Natale di pace. E’ questo l’augurio che noi del Notiziario vogliamo fare ai nostri lettori. Pace e tranquillità, perché di questo abbiamo b...
Sono andato al centro commerciale Sabato scorso ho detto a mia moglie: “Andiamo al centro commerciale”. Lei ha pensato al Centro di Arese, bellissimo, elegante, che (lo confesso) mi pi...
Quando i profughi scappano via… Io non sono contrario a priori all’accoglienza dei migranti, perché sarebbe un po’ da ottusi pensare di poterci chiudere nel nostro mondo e far finta ...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook

notiziario prima paginaLa nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita