IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Tornare a casa da scuola da soli? Per gli under 14 oggi è un problema

L'uscita da scuola è ormai una questione molto dibattuta tra i genitori di ragazzi al di sotto dei 14 anni. 

Il tutto è nato da una recente sentenza della Corte di Cassazione, nello scorso maggio, che ha condannato una scuola e Miur per la morte di uno studente, sfortunatamente  finito sotto lo scuolabus 15 anni fa. 

Se nella scuola primaria (elementare) l’uscita è fortemente regolamentata, nelle scuole secondarie, detto all’antica, medie e superiori, l’uscita è di norma libera.

La circolare che sta girando in questi giorni recita: “Nel codice penale è specificato che per i minori di 14 anni è prevista una presunzione assoluta di incapacità e quindi, chiunque abbandona una persona minore di anni 14 della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni“. 

Sono le parole riportate in una serie di circolari identiche inviate ai dirigenti scolastici di diversi istituti italiani.

Una scelta che ha certamente lo scopo di tutelare i minori, ma a quale prezzo?

A livello psicosociologico in molti si sono già espressi a sfavore di questa circolare, perché non permetterebbe la maturazione dei ragazzi, che, sia in città o nel più sperduto borgo di campagna, dovrebbero cominciare a percorrere qualche centinaio di metri a piedi e in autonomia. 
Insomma, impara il percorso e a attraversare la strada sulle strisce pedonali. 

Ci sono poi i disagi creati alle famiglie: se entrambi i genitori lavorano, cosa ormai sempre più frequente, la soluzione sarebbe sobbarcare i nonni, nei casi più fortunati, o la baby-sitter, di un compito in più, oltre a quello di preparare il pranzo e accudire i “piccoli” per tutto il pomeriggio.

E poi, perché regolamentare l’uscita ma non l’entrata a scuola? 
Chi di noi non ha mai “marinato” o “bigiato”, con tutti i rischi che ne potrebbero derivare, in vita sua?
Ma siamo in Italia.
Una “circolare” inoltre non ha alcun valore di legge, e può essere impugnata in qualsiasi momento. Insomma, non è una legge, e neanche un decreto.

 E infatti ci sono scuole e Istituti comprensivi che la applicano alla lettera e altri che non ne conoscono nemmeno l’esistenza. 

Due esempi in zona. L’istituto comprensivo Testori di Novate Milanese al momento non sembra avere l’intenzione di applicare le indicazioni della circolare e i ragazzi della scuola secondaria, le medie, escono e tornano a casa tranquillamente da soli. 

Caso contrario quello dell’Istituto comprensivo “Battisti” di Cogliate e Ceriano Laghetto, che invece applica questa norma (ovvero impedisce l’uscita autonoma di minori di 14 anni) da anni, ancora prima della bagarre amministrativa sollevata da questa circolare. 
Ci sono tante domande e molte contraddizioni. La maggiore età in Italia è quella di 18 anni. Significa poter votare, prendere la patente di guida, disporre della propria vita, dei propri averi come più aggrada, potersi sposare, o anche abortire, senza il consenso dei genitori o del Giudice tutelare. Nel peggiore dei casi di finisce in un carcere normale e non in uno minorile.  

Ma fino a 12 anni i ragazzi, se non raggiungono il metro e 50, in auto devono utilizzare il seggiolino.  Ma a 16 anni è consentito loro l’acquisto di tabacco e alcolici. 
Troppe contraddizioni. 

TI POTREBBE INTERESSARE...

Maturità, prima prova: il toto-tema visto dagli st... Poche ore all'inizio della maturità per 500 mila studenti italiani parte anche il toto-tema visto da loro sulla prima prova d'esame. I temuti esa...
No vaccino, no scuola? Il tema torna scottante Torna nell'occhio del ciclone il tema delle vaccinazioni obbligatorie. Dallo scorso 10 marzo infatti è scaduto il termine per presentare le docum...
Sicurezza sul lavoro, corsi e certificazioni, da 2... Uno degli ambiti più delicati, in campo lavorativo, è sicuramente quello rappresentato dalla normativa sulla Sicurezza nel Lavoro, normata dal D.Lgs. ...
Smartphone a scuola: ecco quando e come si può usa... Ormai quasi tutti i nostri ragazzi possiedono un smartphone, quando frequentano le scuole superiori ma sempre più spesso anche alle scuole medie. ...
Le liberatorie per l’uscita autonoma da scuo... E' notizia fresca del 1 dicembre quella dell'aggiornamento sulla petizione nazionale rivolta al presidente del consiglio dei ministri,  Paolo...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


prima pagina Notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !