Funzionario Enel nei guai, ma non è truffatore

1274292532-0041-bolletta1_bigUna volta tanto che un rappresentante porta a porta non era un truffatore, ha destato involontariamente sospetti infondati in chi lo ha fatto entrare in casa, che ha chiamato la polizia locale.

Quando una residente di Uboldo gli ha aperto la porta, l'uomo (di origine albanese) ha detto di rappresentare la società elettrica per far sottoscrivere i nuovi contratti della libera concorrenza per avere la bolletta unica di Enel e Enelgas a prezzi vantaggiosi: “L'ho fatto entrare ascoltandolo, ma qualcosa non mi convinceva – racconta la donna – Gli ho chiesto di mostrarmi i documenti, ma non ha voluto e allora ho chiamato la polizia locale mentre i miei familiari chiudevano i cancelli per non farlo scappare”. Fatto sta che lo sconosciuto non voleva farsi identificare neppure dai vigili, i quali hanno eseguito dei controlli scoprendo che era effettivamente un rappresentante che lavorava per una società esterna: a ingannare è stato il fatto che fosse alle prime armi e piuttosto incerto, tanto che non aveva nemmeno tutta la documentazione per far firmare i contratti.

 

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.