Fucile in braccio, volto coperto Così rapinano (pure) il Sindaco

carabinieri_cusanoSono entrati in azione con volto coperto e fucile in mano. In coppia per rapinare la farmacia del sindaco Marco Alparone a Paderno Dugnano, che al momento si trovava impegnato con il Consiglio Comunale. Interminabili attimi di terrore si sono vissuti ieri sera nella rivendita di medicinali di Cassina Amata, dove l’intero incasso del pomeriggio ha preso il volo. Attorno alle 19.20, i due hanno raggiunto in moto la farmacia lungo la Comasina. Totalmente coperti da caschi integrali, tute da moto e guanti hanno fatto irruzione. All’interno hanno puntato al bancone imbracciando un fucile a canna mozza, qui hanno intimato di consegnare l’incasso. Arraffato il bottino stimabile in un migliaio di euro si sono diretti verso la porta di ingresso, ignorando che da lì è possibile solo accedere alla farmacia, ma non uscirne. Per evitare inutili tensioni e che la situazione degenerasse è stata aperta loro prontamente. All’esterno sono risaliti in sella alla moto fuggendo tra le auto incolonnate lungo la Comasina. Alcuni passanti vedendo quella scena da film si sono appuntati il numero di targa dello scooter. Da qui sono partite le indagini dei carabinieri della locale Tenenza arrivati pochi minuti dopo. L’ultima rapina alla farmacia Santa Teresa risale all’estate 2013, quando aveva fatto visita un rapinatore solitario che per camuffarsi era ricorso a una parrucca biondo platino. Il balordo è stato acciuffato poco dopo. Aveva commesso ben quattro rapine ai danni delle farmacie tra Paderno e Senago.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.