I narcos lo vogliono morto, il prete più ricercato al mondo ospite nelle Groane

Da questa mattina a Solaro, “il prete più ricercato al mondo”. E’ ricercato soprattutto dai narcotrafficanti del Sud America che pare siano disposti a pagare fino a 1 milione di dollari pur di vedere ucciso Alejandro Solalinde, il più importante difensore dei migranti in Messico, responsabile di un centro di accoglienza a Ixtepec, città nel sud del Paese, nel quale ogni anno transitano 20mila migranti. Solalinde è un sacerdote cattolico che dal 2011 vive sotto scorta per il suo impegno contro i narcos e per aver denunciato la corruzione delle autorità pubbliche. Candidato al Nobel per la pace, racconta la sua storia nel libro “I narcos mi vogliono morto. Messico, un prete contro i trafficanti di uomini” (in dialogo con Lucia Capuzzi, Emi, pp.176, euro 15, prefazione di Luigi Ciotti).

Sarà in Italia per numerosi incontri pubblici su invito di Editrice missionaria italiana e Amnesty International Italia. Alle 10.30 ha incontrato le scuole di Varedo per l’inaugurazione della stele in suo onore alla presenza del presidente del Parco delle Groane, Roberto della Rovere, e di alcuni sindaci della zona. 

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.