Rimprovera il figlio del vicino, lo accoltellano e gli sfasciano l’auto

Pare che sia nato tutto da un rimprovero al figlio del vicino: la reazione è stata una coltellata all’addome e l’auto distrutta a calci e bastonate. E’ successo nella tarda serata di ieri a Limbiate, in via Grandi, quartiere Villaggio Giovi.
Quando i carabinieri e l’ambulanza sono giunti sul posto dopo la chiamata di emergenza, hanno trovato un 45enne rumeno accasciato a terra in un lago di sangue, all’interno del condominio in cui vive. L’uomo è stato trasferito in ambulanza all’ospedale San Gerardo di Monza.

I carabinieri hanno ricostruito l’accaduto: tutto sarebbe partito da un rimprovero rivolto dal rumeno al figlio 17enne del vicino di casa, di origine moldava, non è chiaro per quali motivi. Sta di fatto che il padre del ragazzo, un 42enne, insieme ad un altro parente non ancora chiaramente identificato, ha reagito malamente al rimprovero, alzando le mani contro il rumeno. Ad un certo punto è comparso anche un coltello che ha colpito l’uomo all’addome.

Mentre il ferito veniva trasportato in ospedale, gli altri due si sono accaniti contro la sua auto, una vecchia Audi station wagon parcheggiata in strada, distruggendo i vetri e ammaccando la carrozzeria.

I carabinieri sono sulle tracce del moldavo fuggito, ricercato con l’accusa di lesioni aggravate, mentre gli altri due sono stati denunciati per aggressione e danneggiamenti. Le condizioni del ferito, in ospedale, sono apparse meno gravi del previsto e lui stesso ha rifiutato il ricovero.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.