Capodanno, tra divieti e appelli: ecco dove non si possono sparare fuochi

BOLLATE –  A Bollate è stata promossa una campagna di sensibilizzazione nei giorni scorsi. “A Capodanno il responsabile sei sempre tu – si legge nella campagna promossa dal Sindaco Francesco Vassallo e dall’assessore alle Politiche della Sicurezza Marco Marchesini – Non rovinarti la festa. Ogni scoppio è un’esplosione di paura e un pericolo per bambini, anziani e animali. Non giocare con la sicurezza, non farti tentare dai fuochi illegali. Fai festa senza botti!”.

CUSANO MILANINO – “Le norme di legge sui fuochi pirotecnici sono molto chiare e molto severe. Per questo non ritengo di dover aggiungere una mia specifica ordinanza rispetto a leggi nazionali che debbono essere rispettate da tutti – dichiara il sindaco Lorenzo Gaiani – . Mi raccomando in ogni caso al buon senso e all’educazione dei cittadini: non c’è alcun bisogno di festeggiare il nuovo anno disturbando gli altri o rischiando di causare seri danni a cose e persone con relative responsabilità civili e penali”.

PADERNO DUGNANO – L’utilizzo di fuochi d’artificio e giochi pirotecnici è vietato per tutto l’anno come previsto dal Regolamento di Polizia Urbana. Il Comune ha promosso una campagna di sensibilizzazione a tutela dell’ambiente e della serenità degli animali. “I fuochi d’artificio sono vietati tutto l’anno, anche a Capodanno” questo lo slogan. 

SENAGO – “In occasione dei festeggiamenti di fine anno, si invita cortesemente la Cittadinanza a non fare uso di petardi, botti e simili – ha comunicato l’Amministrazione comunale – al fine di trascorrere le festività nella massima sicurezza e serenità e di evitare l’insogerza di gravi disturbi e danni a persone e animali (domestici e non)”.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.