A Cislago genitori dell’Accademia Calcio sul piede di guerra: “Manifestiamo davanti al comune”

Genitori dell’Accademia Calcio sul piede di guerra: “Se non faranno più giocare i nostri figli al centro sportivo, li porteremo davanti al Comune”. E’ questa la clamorosa iniziativa che i papà e le mamme dei piccoli calciatori intendono mettere in atto dopo il mancato rinnovo della convenzione con la società.

“Vogliamo che sindaco e assessori si rendano conto di cosa significhi non permettere ai nostri figli di continuare a giocare al centro sportivo”, spiega Davide Moiana.

“Li porteremo tutti davanti al palazzo municipale, ogni leva, col pallone in mano”, promette Giuseppe Mignano.

Al di là dell’imminente protesta, la situazione è piuttosto complessa. Da un lato il Comune sostiene che il rinnovo della convenzione per altri cinque anni non sia possibile per legge, perché bisogna per forza emanare un bando; dall’altro l’Accademia Calcio, confortata dal parere dei suoi legali, afferma che invece si può rinnovare in virtù del progetto educativo portato avanti e di tutti gli investimenti fatti dalla società e dal gestore del bar.

Probabile che la vicenda approdi nelle aule di tribunale.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.