Atassia, Paderno piange il giovane Alessandro morto a 25 anni | VIDEO

Paderno Dugnano piange il giovane Alessandro Avanzi, morto a 25 anni dopo aver combattuto contro l’ atassia. La sua storia ha commosso e interessato nel corso del tempo tutta la città. In tantissimi ricorderanno Alessandro in sella alla sua handbike, la biciclietta che gli donava il senso della  libertà nonostante l’atassia, il disturbo che poco alla volta gli ha causato la perdita della coordinazione muscolare rendendo difficoltosa l’esecuzione di movimenti volontari.

Uno stato fisico che se lo era fatto tatuare anche sulla spalla. Una scritta ‘I will never give up’, un significato profondo ‘mai arrendersi’ a cui rispondeva senza mai arrendersi.

Alessandro se n’è andato nelle ultime ore, portandosi via quella sua voglia di vivere e combattere.

Nel 2013, è stato protagonista di un cortometraggio in cui ha raccontato la sua vita e l’atassia. “Ciao, io sono Alessandro. Tranquilli, non sono qui per annoiarvi e neppure impietosire nessuno”. Inizia con la sua ironia il filmato realizzato da Marco ed Enrico Giacalone che ha vinto il primo premio del concorso FilmAbile promosso dalla Provincia di Milano.

“Per uno come me è difficile fare anche le cose più semplici come camminare, correre o impugnare una matita o semplicemente parlare”, ha sottolineato Alessandro. “Tutto ciò non mi preoccupa affatto, per sentirmi più felici vorrei trovare un nuovo lavoro e vivere nuove esperienze”.  Alessandro non ha mai smesso di correre, non ha mai smesso di credere in sé stesso neanche durante i momenti più tragici della sua vita nonostante l’atassia.

“Nel tempo libero amo fare sport, e se c’è qualcosa che ho capito è che se vuoi vincere non devi mai mollare” diceva.

L’ultimo saluto ad Alessandro verrà dato lunedì 2 luglio. Alle ore 10 amici e conoscenti si stringeranno attorno a mamma Monica, ai nonni Luigi e Anna e allo zio Carlo. I funerali si celebreranno nella parrocchia di SS Nazaro e Celso a Dugnano.

Anche la Croce Rossa Italiana si è unita al dolore della sua famiglia. “Il tuo sorriso e i tanti momenti condivisi con gioia resteranno sempre nel cuore di chi di noi ha avuto il privilegio di conoscerti”.