VIDEO – Rubavano, tir, ruspe e muletti; sgominata la banda, 11 arresti

banda tir Una banda composta da 11 persone, di età compresa tra i 24 e i 68 anni, era dedita da diverso tempo al furto di camion, escavatori, muletti e altre macchine da lavoro ed è stata sgominata dai carabinieri di Vimercate.

Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Monza e Brianza, Bergamo, Como, Lecco, Lodi e Piacenza.

Gli arrestati (8 in carcere, 3 ai domiciliari) sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati e riciclaggio.

L’indagine, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Vimercate (MB), coordinati dalla Procura della Repubblica di Monza, è stata avviata nel 2016 a seguito della commissione di furti di mezzi pesanti. L’inchiesta ha consentito di documentare l’esistenza di un sodalizio criminale strutturato, dedito ai furti di trattori stradali e di targhe di autoarticolati, nonché di gasolio, merci e mezzi operativi, polimeri, attrezzature da lavoro, materiali da imballaggio, escavatori, muletti e transpallet custoditi nelle aziende già vittime della sottrazione degli automezzi. In particolare, i sodali agivano con compiti ben prestabiliti, alcuni alla guida di veicoli con funzioni di palo o staffetta, altri come autisti dei mezzi rubati o di quelli utilizzati per portare a termine i furti.

Nel corso dell’attività è stato individuato un capannone di Bellusco (MB), nella disponibilità del gruppo indagato, utilizzato per occultare i mezzi e la merce provento dei colpi messi a segno. E’ stata inoltre documentata la gestione centralizzata dei ricavi, in parte destinati anche al sostentamento dei componenti del sodalizio in caso di arresto.

Nel corso dell’attività investigativa sono stati accertati 8 episodi di furto ed altrettanti tentativi. Complessivamente è stato documentato il furto di 2 trattori stradali, 2 semirimorchi, 1 autocarro, 1 escavatore, 3 muletti, 3 transpallet e circa 600 litri di gasolio, oltre a merce varia, per un valore complessivo di circa 1 milione di euro.

 

ECCO IL VIDEO

https://youtu.be/ecMjW0gfyBY