IL NOTIZIARIOIL NOTIZIARIO

Alina, 13enne diventata milionaria grazie ad un lecca lecca

Sembra la storia di una moderna Willy Wonka, almeno nell’ultima versione del film “La fabbrica del cioccolato”: da bambina il padre la costringe a rifiutare gli amati “lecca-lecca”, che potrebbero nuocere ai suoi denti, e lei, su quel “lecca lecca” ci costruisce quasi un impero.
E’ la storia divertente e particolare dall’americana Alina Morse (vive in Michigan) che a 13 anni è diventata milionaria, inventando un lecca lecca molto particolare che le ha cambiato la vita, non solo a lei ma anche a migliaia di ragazzini golosi.
Oggi questa adolescente vanta un fatturato annuo di 1,5 milioni di dollari. Niente male davvero.

La storia da imprenditrice di Alina Morse è cominciata quasi per caso, quando la bambina accompagnò suo padre in banca.

Un impiegato le offrì un lecca lecca, ma il papà la costrinse a rifiutare affermando che il dolce avrebbe fatto male ai suoi denti. Da quel momento la bambina ha sfruttato tutti i suoi risparmi per cercare di ideare il primo lecca lecca salutare che fosse accessibile ai bambini.

Naturalmente una ragazzina così giovane non avrebbe potuto fare tutto da sola: e infatti si è rivolta senza indugio agli esperti del settore per mettere a punto questo dolce, esperti che hanno chiaramente “fiutato” le potenzialità dell’idea della caparbia ragazzina.
Nel 2014, Alina ha finalmente presentato al mondo i suoi lecca lecca, mettendoli in commercio: si chiamano Zollipops (dalla pronuncia sbagliata fatta dalla sorellina di Alina, Lola, di uno degli ingredienti).

Cosa hanno di speciale questi dolci? Non fanno male ai denti, tutt’altro, dal momento che contengono xilitolo ed eritriolo, che rinforzano lo smalto dei denti, e sono dolcificati in modo naturale con la stevia. Sono poi 100% vegan, privi di glutine e di coloranti e OGM, e grazie al loro PH, neutralizzano gli acidi presenti in bocca che portano all’accumulo di placca e alla formazione della carie. E, non da ultimo, sembrano davvero gustosi. Sono commercializzati in sei differenti gusti, dalla fragola all’ananas e costano dai 6 ai 7 dollari l’uno.
In più: il 10% del fatturato proveniente dagli Zollipops viene investito per diffondere i progetti a sosyegno dell’igiene orale nelle scuole.

Alina ora sta progettando di espandere la produzione e realizzare nuovi prodotti: gli Zolli Drops, che sono simili agli Zollipops, ma non hanno il bastoncino e gli Zaffi Taffy, che assomigliano alle caramelle mou. Tutti i dolci realizzati dalla 13enne stimolano la produzione della salute e influiscono positivamente sull’igiene orale.

Nonostante l’incredibile successo Alina però non sembra essersi montata troppo la testa: come ha sempre dichiarato è felice dei risultati che ha ottenuto fino ad ora e desidera diventare un’imprenditrice a tutti gli effetti: per fare questo vuole perfezionare la propria formazione e soprattutto andare al college.

TI POTREBBE INTERESSARE...

Street food: una scommessa per gli imprenditori di... E' risaputo che lo street food, molto diffuso in Asia e in Nord Africa, ha ormai preso piede un po' ovunque, ma soprattutto è stato ampiamente sdo...
L'HAI TROVATO INTERESSANTE? CONDIVIDILO !
Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun finanziamento pubblico.
E’ disponibile in formato cartaceo, in circa 200 edicole a nord di Milano, in uscita ogni venerdì.
In formato digitale si può acquistare sul nostro store www.edicola.ilnotiziario.net dove è possibile anche sottoscrivere formule di abbonamento.
Per restare sempre aggiornato metti “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook


prima pagina notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
Scarica la nostra App gratuita  

SCEGLI L’ABBONAMENTO !