La paura di volare

notiziarioLe vacanze estive per alcuni sono già cominciate, ma per molti sono ancora alle porte. C’è chi andrà in vacanza con l’auto, chi con la moto o col treno, ma sempre più gente ormai sceglie l’aereo, tant’è che a metà luglio si è registrato un curioso record a livello mondiale: venerdì 13 luglio è stato il giorno in cui sono decollati più voli di tutta la storia dell’umanità.

Mai erano decollati in un solo giorno tanti aerei come è accaduto venerdì 13. Ne sono partiti bel 205.468 nel giro di 24 ore, il che vuol dire che è decollato un aereo ogni 42 centesimi di secondo, più di due aerei al secondo.

Questi numeri sono dedicati a chi ha paura di volare, perché è davvero curioso che questo incredibile record sia stato toccato proprio di venerdì 13, un giorno che, in teoria, dovrebbe portare sfortuna. Invece sapete quanti di quei 205.468 voli sono precipitati? Nessuno. Quanta gente è morta? Nessuno. Gli scettici diranno: “Vabbè, sarà stato un giorno fortunato, ma chissà quanti aerei saranno caduti il giorno prima o la settimana prima…”.
Nessuno. Già, perché la paura di volare è qualcosa di veramente curioso, perché è statisticamente un controsenso.

Certo, fa paura sapere di avere il vuoto sotto a sé, ma le statistiche parlano chiaro: non c’è mezzo di trasporto al mondo più sicuro degli aerei di grandi dimensioni che trasportano passeggeri. Muore molta più gente in auto, in moto, in bici, a piedi e perfino in treno e in barca di quanta ne muoia in aereo. Meglio saperlo prima di andare in vacanza…

Piero Uboldi

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.