Ospedale di Saronno in declino, nasce un Comitato per difenderlo

Delusi dalle promesse finora rimaste inattuate, i componenti del Circolo della Bussola si fanno promotori di un Comitato che intende fermare il declino dell’ospedale di Saronno e risollevarne le sorti. 

 

Lo spiegano gli stessi promotori, attraverso un comunicato diffuso oggi e che riportiamo qui sotto. 

 

“Il Circolo della Bussola ha promosso, nel novembre 2016 e nel maggio scorso, due incontri pubblici sulla situazione dell’Ospedale di Saronno che hanno richiamato una grande presenza di pubblico.

Durante questi momenti l’Assessore regionale al welfare Giulio Gallera e il direttore generale dell’ASST Valle Olona Giuseppe Brazzoli avevano garantito grande attenzione rispetto al presente ed al futuro del nosocomio saronnese.
Le tante promesse, purtroppo, non sono sino ad ora state mantenute nei fatti.

Come recentemente preannunciato, il Circolo intende farsi promotore della nascita di un comitato pro Ospedale, non contro qualcuno o qualcosa ma per la salvaguardia ed il rilancio di una struttura che da più di un secolo è vicina ai bisogni dei cittadini di un ampio comprensorio che comprende comuni di quattro provincie.

Dinnanzi alla progressiva perdita di Primariati, di Unità operative complesse e di servizi, alla carenza sempre più grave di personale sanitario ed ai conseguenti turni di lavoro sempre più pesanti, alla obsolescenza di macchinari ed attrezzature sanitarie riteniamo necessario superare la comprensibile e legittima protesta proponendo la nascita di una realtà associativa che coinvolga la Città ed il comprensorio saronnese, capace di informare compiutamente e di interloquire efficacemente con i vertici aziendali e con Regione Lombardia.

A breve intendiamo coinvolgere i rappresentanti delle numerose associazioni già operanti in ambito sanitario ed assistenziale e successivamente quanti desidereranno contribuire ai compiti ed alle azioni del comitato stesso”.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.