Paderno, cartelli stradali in dialetto (in salsa Lega) per 15mila euro

Cartelli stradali in dialetto anche a Paderno Dugnano. Così Paderno diventa Paderna, Dugnano invece Dugnan. E Palazzolo si leggerà Parazzoeu. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è finalizzata alla migliore identificazione dei contesti di quartiere volti alla riscoperta delle tradizioni locali.

I primi cartelli sono già visibili nelle piazze e lungo le strade paternesi. Il costo dell’operazione supera i 15 mila euro: per metà sostenuti dalla Tagliabue spa in base a una convenzione in essere, il restante lo mette il Comune.

In totale saranno installati 14 cartelli stradali nei punti di maggiore pregio individuati dal Comune che saranno dotati anche di foto d’epoca. Quattro di questi saranno posizionati lungo la Statale dei Giovi all’altezza della Chiesetta del Pilastrello, in via Pepe, in via Reali e in via Castelletto. Nei centri storici la lingua meneghina arriverà a Dugnano davanti al Comune e in piazza Mattetti, a Paderno in via Roma 16 e di fronte alla stazione ferroviaria. La novità riguarderà anche via Tripoli al Villaggio e via Toscanini a Calderara. Nel centro di Palazzolo invece saranno installati i cartelli marroni in piazza Addolorata e in via per la Stazione in prossimità di palazzo Vismara. Due i punti di pregio individuati a Incirano: il primo in piazza De Gasperi in prossimità della torre, il secondo in via Italia. I

“La Paderno Dugnano di una volta, per ricordare come era e come è cambiata. Un progetto culturale per valorizzare la storia della nostra città, i cambiamenti urbanistici e ricordare i luoghi e i nomi popolari dei nostri quartieri. Guardando questi cartelli terremo sempre ben presenti le radici della nostra comunità”, commenta il vicesindaco leghista Gianluca Bogani. 

Ad aprile anche lungo le strade di Senago, amministrato da una giunta della Lega, sono spuntati i cartelli in dialetto. 

LEGGI Senago diventa Senagh, spuntano i cartelli in meneghino