Il “Mal d’autunno”, la depressione colpisce un italiano su tre

L’autunno è ormai arrivato e, complice anche il cambio d’ora, le giornate diventano via via più corte.

Con meno ore di luce a disposizione e condizioni meteo più “opprimenti”, un italiano su 3 (32%) sa già che è prossimo a provare ansia e malumore.

Ad angosciare maggiormente sono la perdita del senso del tempo (41%) e il timore di non riuscire a far tutto (12%). Gli esperti avvisano: non chiudersi in casa e curare ancora di più la vita sociale (34%) insieme a una sana alimentazione e corretta idratazione (25%). Questi alcuni consigli per battere quello che clinicamente è conosciuto come Seasonal affective disorder (SAD).
E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle, condotto su circa 2.600 italiani – uomini e donne tra i 20 e i 55 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, forum e community digitali e su circa 20 esperti, psichiatri, psicologi e nutrizionisti, per capire come approcciare al meglio il passaggio alla stagione autunnale.

“Umore triste, irritabilità, astenia e stanchezza, maggior ritiro sociale, difficoltà nella concentrazione, aumento dell’appetito e del sonno sono sintomi che permettono di inquadrare questo tipo di disturbo definito a “pattern stagionale” come Disturbo Depressivo Maggiore Ricorrente con andamento stagionale – spiega la dottoressa Emanuela Napoli, psicologa e sessuologa.

“Le persone che manifestano il Seasonal Affective Disorder (SAD) – continua –  si dimostrano molto sensibili ai cambiamenti stagionali ed è per questo motivo che il calo della temperatura, l’aumentare delle ore di buio, la pioggia e i temporali condizionano il loro equilibrio psicofisico”.
Quali sensazioni provoca l’accorciamento delle giornate? Ben un italiano su 3 (32%) riferisce malumore (17%) e ansia (15%).

Le sensazioni positive sono davvero ai minimi termini e infatti solo il 7% prova una certa felicità e appena il 4% rilassatezza. E se l’8% avverte una certa intolleranza, non mancano coloro che si sentono rassegnati (17%) o tristi (12%).
Ma cosa accentua i sentimenti negativi? Al primo posto quasi 4 italiani su 10 (37%) mettono il fatto di avere poca luce a disposizione durante il giorno.

Per un italiano su 3 (31%) invece è il freddo che rende più indisposti e, a seguire, troviamo la nebbia (16%) e la pioggia (11%).
Cosa angoscia maggiormente? Il 41% dei soggetti coinvolti è inquieto per via della perdita del senso del tempo a causa anche del cambio d’ora e della riduzione delle ore di luce.

Circa 2 italiani su 10 (21%) fanno i conti con l’ansia di non riuscire a fare tutto, mentre il 21% non sopporta di dover lavorare nelle ore di buio. Il 16%, infine, lamenta la percezione di non avere tempo per la vita sociale.
Quali effetti provocano queste sensazioni negative sui comportamenti delle persone? Circa un quarto dei soggetti (24%) ammette di avere problemi con il sonno e di dormire poco e male.

Il 27% si sente triste e ha difficoltà nel rapportarsi con le altre persone durante le normali faccende quotidiane.

Il 19% ammette di trovare rifugio nel cibo mentre il 18% si scopre poco reattivo e abbastanza apatico.

Infine, il 9% degli italiani indagati, ammette di avere un calo del desiderio sessuale.
Ma come accorgimenti adottare per approcciare al meglio il passaggio alla stagione autunnale? Non chiudersi in casa ma continuare a coltivare la propria vita sociale: andare al cinema, a teatro o  organizzare cene e aperitivi con gli amici in casa aiuta a allontanare la solitudine.
Una dieta sana e una corretta idratazione sono poi indispensabili per tenere alte le facoltà intellettive.

Gli esperti infine suggeriscono l’“approccio cromatico”: abiti e accessori colorati contrastano il clima e i colori grigi dell’autunno.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.