Caronno, acqua “al cloro” a scuola: “Daremo ai nostri figli le bottigliette”

Acqua al sapore di cloro a scuola: se ne discuterà nel Consiglio d’Istituto di questa sera, quando sarà formalizzata la richiesta di far portare ai figli le bottigliette di acqua minerale. Sì, perché da quando è iniziata la clorazione per abbattere i colibatteri trovati negli impianti idrici, pur essendo stata revocata l’ordinanza di non bere dal rubinetto, l’acqua ha odore e sapore di cloro in molte abitazioni e pure a scuola.

Così un gruppo di mamme e papà ha incontrato in municipio il sindaco Marco Giudici: “Non è tollerabile che i nostri figli debbano bere acqua del genere”, hanno contestato facendosi portavoce delle proteste in corso.

Ebbene, il primo cittadino si è detto d’accordo sul fatto che i bambini non dovrebbero bere dai rubinetti dei lavandini. “Noi riteniamo comunque che la scelta di decidere cosa far bere ai nostri figli debba essere democratica – è la linea di pensiero della componente Gruppo Genitori del Consiglio d’Istituto – Quindi in consiglio affronteremo la questione con le nostre proposte. Anche perché spetta all’Istituto regolamentare”. Posizione che non vede affatto contrario il sindaco, il quale dal canto suo ha comunque ribadito che l’acqua in rete è potabile.

La seduta de Consiglio d’Istituto è stata convocata per le 18.30 nella scuola elementare Ignoto Militi.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.