Paderno, ex assessore denunciata da Ikea: “Non fu furto, lo dicono i video”

Archiviato il “caso Ikea” e la denuncia per furto di Valentina Polito (nella foto con Silvio Berlusconi), ex assessore in quota Forza Italia a Paderno Dugnano. “La notizia di reato è infondata” sono le parole utilizzate dal pubblico ministero per motivare la richiesta di archiviazione proprio basandosi sul contenuto delle videoregistrazioni interne allo store di Carugate.

LEGGI Paderno, dopo il ‘caso Ikea’ Polito lascia la giunta: “Un fatto esclusivamente privato”

La vicenda risale a un anno e mezzo fa, quando l’allora assessore è stata fermata per un controllo al termine di un pomeriggio di shopping: una parte della merce contenuta nel carrello non risultava nello scontrino. Così è scattata la denuncia per furto aggravato

C’è chi ha parlato che la spesa effettiva fosse di 500 euro, chi ha detto che appena 180 euro sono stati pagati. E c’è chi è arrivato a dire che quello fosse un gesto volontario. “Tutto falso”, risponde oggi Valentina Polito che in quei giorni si è dimessa da assessore. “Un’accusa infamante di suo e che le immagini del sistema di videosorveglianza hanno dimostrato essere infondate“. 

Non perdetevi il numero de il Notiziario in edicola da domani con le motivazioni della richiesta di archiviazione e l’intervista a Valentina Polito in cui ripercorre l’ultimo anno e mezzo 

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.