Cusano Milanino: un progetto che sensibilizza i cittadini a spostarsi a piedi in città

Cusano Milanino, la città giardino, non è particolarmente estesa ed è percorribile a piedi in un tempo relativamente breve.

Ma l’abitudine di usare l’auto privata o i bus finisce per far perdere di vista il vantaggio di muoversi a piedi per viaggiare.

Eppure il tempo che si impiega per trovare parcheggio o l’attesa del bus dimostra che è molto più conveniente camminare per spostarsi da un luogo all’altro.

Il tutto emerge dallo studio eseguito dalla società Polinomia Srl su incarico dell’amministrazione comunale per ripensare la viabilità urbana.

Ma come fare per convincere i cittadini a riscoprire la pedonalità (e la ciclabilità) come modo efficiente per muoversi e altresì rimuovere la percezione distorta delle distanze e dei tempi di percorrenza che spesso si rivela scoraggiante?

Lo studio suggerisce di prendere l’esempio del Comune di Pontevedra (Spagna) e di tante altre realtà che lo hanno seguito.

Si tratta di predisporre il cosiddetto Metrominuto, ovvero una mappa pedonale di Cusano Milanino, che in analogia con le reti delle metropolitane nelle grandi città riporta le linee che connettono pedonalmente il territorio urbano, fornisce informazioni sulle distanze e sui tempi di percorrenza, sui luoghi di attrazione presenti e su altri punti di interesse.

La mappa, sensibilizzando i cittadini su una nuova cultura, della mobilità concorre a ribaltare l’ordine nella priorità dell’utilizzo e nel valore dei mezzi di trasporto, che oggi induce a camminare a piedi solo quando non se ne può proprio fare a meno.

Il progetto prevede la realizzazione di mappe in formato 100x70cm da allestire in appositi espositori da posizionare nei punti nevralgici della città, riducibili anche in formato A4 come volantini da distribuire alla cittadinanza.

Sulla mappa sono da evidenziare le lunghezze di ogni tratta ed i tempi di percorrenza a piedi calcolando una velocità media di 4 Km/h; il calcolo del consumo calorico per ogni 5 minuti percorsi a piedi; i principali attrattori della città; informazioni sull’importanza dell’attività fisica nella vita quotidiana trasmesse dall’Organizzazione mondiale della sanità.

L’idea è interessante, ma con la legislatura alle ultime battute si farà in tempo a realizzarla?