Volete essere felici? Iniziate dalla colazione

Svegliarsi la mattina e fare colazione, sulla scia del Breakslow, la tendenza che trasforma il primo pasto della giornata in un momento di gratificazione e condivisione, contribuisce al buon umore portando felicità ed energia

“Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene se non ha mangiato bene”.

Chissà se, con questa citazione, Virginia Woolf si riferiva anche alla colazione e all’importanza che quest’ultima riveste per l’essere umano.

Il primo pasto della giornata infatti, non è più un morso di sfuggita ad una brioche o un caffè preso al volo ma, come dimostra la tendenza internazionale del Breakslow, diventa un momento rituale da condividere.

E cosa c’è di meglio per la Giornata Mondiale della Felicità del 20 marzo se non regalarsi una dose di buon umore condividendo la colazione con il proprio partner o con la famiglia seduti tranquillamente a tavola?

E’ quanto emerge da uno studio condotto da Isola Bio Lab, l’osservatorio che analizza i trend legati al mondo della colazione, attraverso un monitoraggio di oltre 200 fonti e un pool di 30 esperti fra psicologi e nutrizionisti.

Dalle star di Hollywood, come Blake Lively e Richard Branson, ad esperti internazionali e libri “ad hoc”: sono tanti gli esempi che testimoniano che il fare una sana e corretta colazione sia una delle tante strade che portano ad essere felici.

Esserlo, infatti, è una scelta che non dipende da nessun fattore esterno, ma esclusivamente da se stessi.
La colazione può predisporre l’individuo ad affrontare un giorno positivamente, all’insegna della felicità.

Questo è il pensiero di Tim Sharp, psicologo e professore presso la UTS School of Management e Chief Happiness Officer di The Happiness Institute, organizzazione australiana che punta ad accrescere la felicità nei singoli, nelle famiglie e nelle aziende.

Ciò che facciamo come prima cosa alla mattina detta generalmente il ritmo al resto della giornata. Iniziare bene crea energia positiva e si predispone l’individuo ad essere più felice e produttivo.

Se, invece, non si è soliti farla si potrebbe pensare alla colazione come un momento da dedicare a se stessi e per prepararsi alla giornata che sta per cominciare”.

Facendo una sana colazione in maniera positiva, si “invia” un messaggio all’individuo, un avvertimento di rispetto per il proprio corpo e che si vuole prendere cura della propria salute e benessere.

In un articolo di Ketteringhealth.org, intitolato “I benefici della colazione”, con fonti American Heart Association, Harvard School of Public Health, American Journal of Clinical Nutrition e Academy of Nutrition and Dietetics, si parla anche di felicità.

Facendo colazione, infatti, l’individuo può stimolare il proprio umore: chi ha la pancia piena, alla mattina, tende ad essere più felice e meno irritabile rispetto a chi ha crampi allo stomaco a causa della fame.

Saltare il primo pasto della giornata, infatti, può far sentire l’essere umano stanco, nervoso ed irritabile.

E’ consigliabile, quindi, iniziare il giorno con una sana colazione per avere un atteggiamento più positivo ed ottimista.

“La prima colazione – dichiara Luca Piretta, gastroenterologo e nutrizionista presso l’Università Campus Biomedico di Roma – è probabilmente il pasto più importante della giornata, in quanto si realizza dopo il digiuno notturno.

Farla, inoltre, aiuta a prevenire l’obesità”.

Fare una sana colazione non solo migliora il rendimento scolastico e lavorativo di ragazzi e adulti, ma facilita anche il buon umore.

Alcuni consigli su come farla bene? E’ preferibile quella dolce, con un mix tra carboidrati a lento rilascio e quelli a rapido utilizzo, come per esempio il pane e la marmellata.

I cereali, inoltre, sono importanti in quanto forniscono ‘energia’ pulita per l’organismo: quelli integrali, con fibra, aumentano l’apporto di sali minerali, vitamine e fibre. Non deve poi mai mancare la frutta fresca e, soprattutto, deve essere consumata stando seduti a tavola e non di corsa, in piedi.

Tra le celebrities internazionali ci sono molti “breakfast addicted” e, uno fra questi, è Richard Branson.

Il miliardario americano, celebre per aver creato la galassia Virgin, secondo quanto si legge su Business Insider adora fare una colazione leggera a base di frutta e muesli, trascorrendo del tempo con la propria famiglia.

La modella e blogger statunitense Karlie Kloss, invece, come riporta Cosmopolitan, è amante della colazione all’italiana.

Andrew Dalby, storico, linguista e traduttore, ha pubblicato un libro dal titolo “The Breakfast Book”.

Il più importante pasto della giornata è anche uno fra i più diversi: la colazione cambia da famiglia a famiglia e da regione a regione, anche se le persone tendono a mangiare le stesse cose ogni giorno.

Dalla colazione americana a quella giapponese, passando per l’inglese e la spagnola: il volume narra le diverse storie nel tentativo di individuare le più svariate modalità di fare colazione alla mattina.