Paderno, bambina lasciata in auto: la mamma ai Gratta e Vinci, denunciata

Bambina lasciata in auto per oltre un’ora a Paderno Dugnano. La mamma era a giocare ai Gratta e Vinci. Per questo è stata denunciata dai Carabinieri.

Non c’entra in questo caso l’amnesia dissociativa, quel disturbo che ha causato la morte a troppi bambini dimenticati dai loro genitori nelle loro auto che nel giro di pochi minuti si sono trasformati in un inferno da cui non hanno avuto scampo. 

Il fatto è successo nelle ultime ore. Siamo nel parcheggio del centro commerciale Brianza a pochi passi dalla Milano-Meda. Qui viene notata l’auto con a bordo la bambina di 4 anni. Alcuni clienti vedono la piccola nell’abitacolo. Cercano di capire se nei paraggi ci sia un genitore o un adulto. Intanto dall’altra parte del finestrino tranquillizzano la piccola. I minuti passano ma nessuno si fa vedere. Così decidono di allertare i Carabinieri che nel giro di pochi minuti arrivano dalla vicina tenenza. La bambina a parte lo spavento di tutto quel trambusto viene liberata senza conseguenze fisiche. La mamma invece viene rintracciata all’interno del centro commerciale. È nei pressi di una tabaccheria a giocare ai Gratta e Vinci.

Che cosa è successo in quei momenti nel parcheggio? Perché la mamma ha lasciato la bambina da sola in auto? Sono domande a cui stanno cercando di dare una risposta i Carabinieri per capire soprattutto se sia stato un gesto volontario, forse sottovalutando le conseguenze. Pare esclusa l’ipotesi che la mamma sia stata vittima dell’amnesia dissociativa, quel disturbo che fa dimenticare importanti informazioni come la presenza di un bambino in auto. Una dimenticanza causata talvolta da molto stress che ha già fatto troppe vittime innocenti per cui si stanno cercando di dotare i seggiolini di sensori sonori per non dimenticarli più.