Si chiama Magni ma è “detto Salvini”; furbata del candidato a Cormano

Magni detto SalviniUn candidato alle elezioni del prossimo 26 maggio  a Cormano, incasserà tutte le preferenze a nome “Salvini”, pur chiamandosi Magni. 

Con l’ufficializzazione delle liste elettorali è scoppiato il cosiddetto “caso Magni”.

Il capolista della Lega Nord Gianluca Magni ha infatti affiancato al suo nome,  il soprannome “Salvini”, con la dicitura ufficiale  “detto Salvini”.

Una bella furbata – secondo quanto scritto dall’ex sindaco Roberto Cornelli su Facebook – per prendersi le preferenze di quelli che scriveranno Salvini a caso sulla scheda elettorale”.

Il diretto interessato, Gianluca Magni, attualmente consigliere comunale a Cormano ed assessore a Senago si è detto sorpreso e quasi divertito di questo inaspettato tam tam mediatico che dai social è finito persino sulle testate nazionali il protagonista della vicenda, 

Non è stata una furbata – ha replicato – non ho bisogno di escamotage, sul territorio sono ben conosciuto, durante le precedenti elezioni ho avuto i voti necessari per entrare a fare il consigliere comunale per quattro mandati consecutivi”.

E allora da dove nasce la scelta del soprannome?
“Data la mia lunga militanza nella Lega Nord, in sezione, i militanti scherzosamente ed allegoricamente più volte mi hanno soprannominato ‘Salvini’.

Durante uno degli ultimi incontri, mentre stavamo preparando la lista,  un militante mi ha detto: ‘perché non metti detto Salvini?’. Ecco, è nato tutto da lì”.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.