Arese, ex Alfa: 3,6 milioni di euro, ma non per il raccordo ferroviario

Arese, ex Alfa: 3,6 milioni di euro, ma non per il raccordo ferroviario. Sì invece alla linea 561 e a nuove opere.

L’accordo di programma dell’area ex Alfa Romeo (Adp) ha messo a disposizione risorse per Arese e gli altri Comuni interessati dalla convenzione.

E ora l’amministrazione comunale rifacendosi al protocollo d’intesa, sottoscritto il 30 luglio scorso con Garbagnate Milanese, Lainate e Rho, si è risolta di impiegare diversamente la somma residua (3,6 milioni) che, stando all’accordo di programma del 2004, sarebbe invece destinata alla riqualificazione del raccordo ferroviario fra l’area ex Alfa Romeo e la stazione di Garbagnate Milanese.

Infatti, prendendo atto che il progetto definitivo di riqualificazione del raccordo ferroviario per favorire il trasporto passeggeri, è rimasto in mezzo al guado è intervenuta con una nuova deliberazione per destinare la cifra di sua competenza, 650.000 euro, a nuovi interventi di natura ambientale e/o viabilistica.

Un’operazione fattibile dal momento che sia l’operatore che il collegio di vigilanza dell’Adp avevano in precedenza dato rispettivamente la disponibilità a rilasciare le risorse e a utilizzarle anche per il conseguimento di finalità che non fossero esclusivamente legate alla riattivazione del raccordo ferroviario.

Ma quali sono gli interventi pubblici da finanziare?

La realizzazione di un sistema di mobilità locale su gomma per collegare Arese con la fermata della metropolitana milanese.

Il servizio già attivato mediante la linea 561, senza ulteriori investimenti rischierebbe la soppressione.

Da qui la destinazione di nuove risorse per dare continuità al progetto, che è ritenuto strategico per il territorio.

Poi la sistemazione a verde e riqualificazione paesistico-ambientale dell’area sita in via Privata Alfa-Romeo e infine la riqualificazione a verde e la formazione di opere di compensazione connesse alla realizzazione della nuova struttura socio-sanitaria in via Luraghi.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.