Ha ingoiato ovuli con 1,3 kg di cocaina, arrestato dalla Finanza a Linate

Un uomo originario del Venezuela, che aveva ingerito 1,3 kg complessivi di cocaina distribuiti in 103 ovuli, è stato arrestato all’aeroporto di Linate.

La Guardia di Finanza di Linate, insieme ai funzionari dell’’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno sequestrato circa 1 chilo e 300 grammi di cocaina, con conseguente arresto di un soggetto venezuelano proveniente da Cayenne (Guyana francese), via Parigi.

I i Finanzieri ed i doganieri di Linate hanno sottoposto a controllo doganale il passeggero extracomunitario in ingresso nel territorio dello Stato.

Per l’atteggiamento e lo stato di nervosismo mostrati, l’uomo ha destato il sospetto degli operanti, che hanno ritenuto opportuno eseguire ulteriori e più specifici accertamenti.

Le Fiamme Gialle, una volta sentito il passeggero, hanno dubitato delle dichiarazioni rese e, sospettando il presunto ingerimento di ovuli contenenti sostanza stupefacente, hanno condotto il cittadino venezuelano all’ospedale  San Raffaele di Milano, per eseguire gli esami radiologici e sanitari del caso.

In ospedale i dubbi dei militari sono stati confermati, vista la presenza nell’intestino di ben 103 ovuli contenenti cocaina purissima, per un totale di circa 1 chilo e 300 grammi.

 

L’ovulatore è stato così arrestato per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e condotto al carcere di San Vittore.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.