Donna in attesa del treno rapinata a Ceriano da un tossicodipendente con una siringa

ceriano laghetto siringa
La siringa usata dal tossicodipendente come minaccia

Una donna di 53 anni di Ceriano Laghetto che era in attesa del treno alla stazione di Ceriano Laghetto è stata rapinata da un tossicodipendente con la minaccia di una siringa.

  Momenti di paura  giovedì mattina alle 6 per una donna cerianese, pendolare sulla linea Saronno-Seregno-Albairate. 

Il tossicodipendente  si è avvicinato a lei con atteggiamento minaccioso.

Mostrando la siringa e dicendo di essere disposto a usarla contro di lei, è riuscito a ottenere la consegna della borsetta.

Subito dopo si è allontanato, tentando di fuggire nei boschi del Parco delle Groane.

I carabinieri della Tenenza di Cesano Maderno, intervenuti con tempestività, hanno dato vita a una “battuta” di ricerca nei boschi, con grande dispiegamento di uomini e mezzi e anche con grande fatica, a causa del caldo.

Solo nel pomeriggio le ricerche hanno dato l’esito sperato.

Il tossicodipendente è stato rintracciato, anche in base all’identikit fornito dalla vittima. Si tratta di un giovane di 28 anni, di Macherio, già noto alle forze dell’ordine.

 

Di professione meccanico, da tempo era precipitato nel tunnel della droga.

E’ stato lui a guidare i carabinieri nel luogo dove aveva gettato la borsetta: il giardino di una villetta.

Soldi e documenti sono stati recuperati: non il cellulare, che il tossico aveva già barattato con un pusher in cambio della dose di droga quotidiana.

Il 28enne è stato posto in stato di fermo.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.