Stefano è stato ammazzato? Ora si indaga anche per omicidio

smart Stefano Baranzate
L’auto di Stefano ritrovata ad Arese

Fin dal momento del ritrovamento del corpo di Stefano Marinoni, 22enne di Baranzate scomparso da casa il 4 luglio scorso e ritrovato morto una settimana dopo ad Arese non c’erano elementi certi per poter liquidare la vicenda come suicidio.

Col passare del tempo aumentano invece quelli che fanno pensare ad un omicidio.

L’autopsia, svoltasi martedì mattina a Milano, ha aperto scenari inquietanti poiché sarebbero emerse forti perplessità attorno all’ipotesi che Stefano si sia suicidato lanciandosi dal traliccio: dalle notizie che sono trapelate, se Stefano si fosse lanciato dal traliccio dovrebbero esserci sul suo corpo lesioni al collo, alla colonna vertebrale, agli arti e al bacino tipici della caduta dall’alto, ma pare che queste lesioni non ci siano.

C’è invece la ferita allo sterno, che sembra più plausibile essere dovuta a un colpo ricevuto piuttosto che a una caduta.

Il telefonino è stato rinvenuto sotto il sedile della Smart, mentre le chiavi dell’auto erano nelle tasche dei pantaloni del ragazzo.

I Carabinieri adesso stanno indagando per omicidio, anche se l’ipotesi del suicidio non è ancora del tutto esclusa e saranno gli esami tossicologici a dover dare nuovi elementi.

Ma certo le notizie circolate dopo l’autopsia aprono uno scenario inquietante, perché Stefano era davvero un bravo ragazzo di una famiglia davvero “a posto”, ce lo hanno confermato tutti coloro che conoscono i genitori, le sorelle o conoscevano lui.

Cos’è successo allora quel dannato 4 luglio? Stefano doveva incontrare qualcuno?

E’ stato davvero vittima di un’assurda aggressione?
Si è recato subito da casa sua ad Arese il 4 luglio?

Se lo ha fatto dev’essere passato sotto le telecamere della Varesina a Bollate, un passaggio quasi obbligato, ma purtroppo non sono telecamere di videosorveglianza, fanno le multe a chi è passato col rosso e dai controlli effettuati non è emersa traccia della Smart.

Al momento ci sono tante domande ma risposte non ce ne sono.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.