Omicidio di Solaro, sgozzò il vicino di casa nel box: niente ergastolo

Non è stato condannato all’ergastolo, ma a 21 anni di carcere per aver sgozzato il vicino di casa a Solaro. Era la vigilia di Natale di due anni fa, quando Michelangelo Redaelli è stato trovato senza vita nel suo box di via Parini, al Villaggio Brollo.

La Corte d’Assise di Monza ha condannato l’assassino a 20 anni di carcere respingendo la richiesta all’ergastolo poiché non ci sarebbe premeditazione. Tra i due ci sarebbero stati solo vecchi dissidi condominiali. 

La vittima di 54 anni aveva appuntamento con alcuni amici per una cena di Natale, ma non si è mai presentato. Allarmati lo hanno chiamato ripetutamente al telefono, ma non ricevendo risposta hanno deciso di andare direttamente a casa sua a Solaro.

Il corpo è stato rinvenuto nel garage con un taglio netto alla gola

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Desio che hanno proceduto ai rilievi del caso per capire che cosa sia accaduto in quel box. Quattro mesi più tardi, all’inizio di aprile è stato arrestato il vicino di casa.

Secondo la difesa dell’omicida, il movente dell’assassinio potrebbe essere riconducibile a un regolamento di conti per lo spaccio di droga. Pare infatti che la vittima fosse legata a questi ambienti.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.