Origgio, 3.500 tonnellate di rifiuti speciali nascosti in un capannone: 2 denunciati

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Milano, in collaborazione con i militari della Compagnia di Saronno hanno proceduto al controllo di uno stabilimento industriale a Origgio, rinvenendo, già stoccati, oltre 3.500 tonnellate di rifiuti speciali.

Si tratta di rifiuti classificati non pericolosi, costituiti in gran parte da imballaggi misti, materiali inerti e penumatici fuori uso. L’azienda, seppur formalmente operante nel campo del trattamento dei rifiuti, a seguito di trasformazione societaria non era in possesso di autorizzazioni valide.

Per questo motivo, al termine degli accertamenti, veniva sequestrato l’intero impianto (di circa 22.800 metri quadrati) unitamente a 8 mezzi meccanici utilizzati per la movimentazione e lo stoccaggio dei rifiuti, per un valore complessivo che si aggira attorno ai 2 milioni di euro.

I successivi accertamenti dei Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Milano hanno permesso poi di risalire al legale rappresentante della società che aveva ceduto il ramo d’azienda e all’amministratore unico della ditta cessionaria, i quali sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per traffico illecito di rifiuti.

Nei prossimi giorni saranno svolte le attività di campionatura e caratterizzazione dei rifiuti allo scopo di procedere alla rimozione per inviarli a recupero presso impianti autorizzati. Prosegue incessante l’azione di prevenzione e contrasto dei Carabinieri del Comando Tutela Ambientale per arginare il fenomeno dello stoccaggio illecito di rifiuti in aree abusive o dismesse del Nord Italia.

Il notiziario è un settimanale locale indipendente, che non riceve alcun contributo pubblico. Si può acquistare in formato cartaceo in circa 200 punti vendita a nord di Milano, oppure in formato digitale per Pc, tablet e smartphone, dal nostro store.