HomeEDITORIALINon è più un Paese per fabbriche

Non è più un Paese per fabbriche

Stiamo seguendo il dramma della progressiva dismissione di produzioni della Electrolux in Italia, che tocca da vicino anche le nostre zone, con lo stabilimento di Solaro dove lavorano circa 920 persone, probabilmente la più grande fabbrica metalmeccanica rimasta in tutta la provincia di Milano. Purtroppo è solo l'ultimo caso di una lunghissima serie di cui siamo stati chiamati a dar conto negli ultimi 25 anni. Stavolta, raccogliendo le impressioni e le preoccupazioni tra i dipendenti, mi è capitato anche di sentire una lavoratrice che, pensando all'azienda, ha detto: “Non ce l'ho con loro, ma con questo Stato che non fa niente per tenerli qui”. In questi giorni sono in corso incontri istituzionali e ci auguriamo tutti che la signora venga smentita dai fatti, ma la sua è una sensazione diffusa. Questo Paese non è più in grado di tenere le grosse produzioni industriali: le multinazionali che possono scegliere, scelgono di non produrre più in Italia. Per un problema di costi, ovviamente e soprattutto (pare che in Polonia facciano le stesse lavastoviglie con un costo orario di meno della metà) ma anche per altri grossi problemi: trasporti, logistica, energia e… burocrazia. Per la mancanza assoluta di certezze sul piano autorizzativo e legale. Produrre manufatti in Italia oggi è difficilissimo e chi continua comunque a farlo, rispettando le regole, va considerato un vero e proprio eroe. Intanto però, prepariamoci ad un cambio radicale di prospettiva. Il nostro non sarà mai più un Paese di fabbriche e deve puntare a vivere delle immense risorse che possiede: arte, cultura, turismo ed eccellenze agroalimentari. E' evidente che sarà un passaggio traumatico, ma al momento mi pare l'unico realisticamente perseguibile.

Gabriele Bassani  


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

San Donato Milanese, auto sfonda il guardrail e precipita sui binari dell’alta velocità: grave...

Tragedia soltanto sfiorata ieri sera, mercoledì 12 maggio, a San Donato Milanese dove un uomo di 48 anni è precipitato a bordo della sua...

Saronno, Andrea Leanza con il suo Craxi in “Hammamet”, vince il David di...

Si è tenuta ieri sera, martedì 11 maggio, la cerimonia di premiazione della 66esima edizione dei David di Donatello, riconoscimento cinematografico italiano e tra...

Limbiate, incendio nel cortile dell’azienda: intervento dei vigili del fuoco | VIDEO

Incendio in un'azienda di Limbiate in via due Giugno. In questo momento sono al lavoro tre mezzi dei Vigili del Fuoco dei distaccamenti di Rho...

Novate Milanese, incendio in un appartamento: vigili del fuoco in azione

Emergenza incendio a Novate Milanese in un appartamento all'interno dello stabile di via Tonale, 5. Sul posto sono accorsi cinque mezzi dei Vigili del Fuoco...
novate sensi unici

Novate Milanese, dal 21 maggio cambiano i sensi unici in centro

Il centro di Novate Milanese  vivrà una profonda rivoluzione viabilistica che partirà dalla sera di venerdì 21 maggio, in corrispondenza con la chiusura di...
Bollate comune anello brillante

Meda, picchia la nipote per estorcerle denaro: i carabinieri lo arrestano e scoprono innumerevoli...

Domenica scorsa a Meda, intorno alle 15:30, un 56enne italiano, con precedenti di polizia in materia di stupefacenti e reati contro la persona, si è...
Napoleone Mombello

Limbiate, Napoleone a Mombello: le nozze di Paolina ed Elisa rivissute di notte a...

In occasione dei 200 anni dalla morte di Napoleone, qualche giorno fa a Limbiate, è stata realizzata la tradizionale  rievocazione storica in costume d'epoca...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !