Home EDITORIALI Non è più un Paese per fabbriche

Non è più un Paese per fabbriche

Stiamo seguendo il dramma della progressiva dismissione di produzioni della Electrolux in Italia, che tocca da vicino anche le nostre zone, con lo stabilimento di Solaro dove lavorano circa 920 persone, probabilmente la più grande fabbrica metalmeccanica rimasta in tutta la provincia di Milano. Purtroppo è solo l'ultimo caso di una lunghissima serie di cui siamo stati chiamati a dar conto negli ultimi 25 anni. Stavolta, raccogliendo le impressioni e le preoccupazioni tra i dipendenti, mi è capitato anche di sentire una lavoratrice che, pensando all'azienda, ha detto: “Non ce l'ho con loro, ma con questo Stato che non fa niente per tenerli qui”. In questi giorni sono in corso incontri istituzionali e ci auguriamo tutti che la signora venga smentita dai fatti, ma la sua è una sensazione diffusa. Questo Paese non è più in grado di tenere le grosse produzioni industriali: le multinazionali che possono scegliere, scelgono di non produrre più in Italia. Per un problema di costi, ovviamente e soprattutto (pare che in Polonia facciano le stesse lavastoviglie con un costo orario di meno della metà) ma anche per altri grossi problemi: trasporti, logistica, energia e… burocrazia. Per la mancanza assoluta di certezze sul piano autorizzativo e legale. Produrre manufatti in Italia oggi è difficilissimo e chi continua comunque a farlo, rispettando le regole, va considerato un vero e proprio eroe. Intanto però, prepariamoci ad un cambio radicale di prospettiva. Il nostro non sarà mai più un Paese di fabbriche e deve puntare a vivere delle immense risorse che possiede: arte, cultura, turismo ed eccellenze agroalimentari. E' evidente che sarà un passaggio traumatico, ma al momento mi pare l'unico realisticamente perseguibile.

Gabriele Bassani  


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Si amplia l’Auchan di Rescaldina: arriva Ikea ma chiude Zodio

Ampliamento in vista per il centro commerciale Auchan di Rescaldina, che a breve lascerà il posto a Ikea e Conad: oltre all’arrivo della catena...
motorizzazione revisione

Motorizzazione in tilt: alla revisione dell’auto viene rilasciato solo certificato provvisorio

Dalla giornata di sabato 26 settembre, il CED (Centro Elaborazione Dati) della Motorizzazione è in tilt. Nessuna possibilità da parte degli operatori del settore...

Prelievi del sangue su appuntamento: la novità per Rho, Bollate e Garbagnate

Da giovedì 1 ottobre, i prelievi del sangue nelle strutture della Asst Rhodense saranno garantiti esclusivamente a pazienti in possesso di prenotazione, o di...
ambulanza auto medica

Rho, doppio incidente: ferito anche un bambino trasportato a Garbagnate

Ambulanza ed automedica sono intervenute questa mattina alle 6 a Passirana di Rho per soccorrere un bambino di 6 anni trasportato all’ospedale di Garbagnate...
carabinieri Noevideo

Limbiate, discarica sequestrata: 600 tonnellate di rifiuti e rischi per radiazioni

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Milano hanno individuato a Limbiate, zona Pinzano, un impianto di trattamento rifiuti potenzialmente pericoloso che è stato...

Cormano, furgone sulla Milano-Limbiate: ritardi ai tram e code in Comasina

Furgone sui binari della metrotramvia Milano-Limbiate a Cormano. Tram in ritardo sulla linea che collega con il capolinea di Comasina.  L'incidente è avvenuto poco dopo...
Bollate bus

Bollate, bus di linea rompe semiasse sul dosso e si blocca in strada

Un autobus di linea è rimasto bloccato in mezzo alla strada a Bollate, dopo avere rotto il semiasse probabilmente su un dosso. E’ successo questo...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !