HomeEDITORIALINon è più un Paese per fabbriche

Non è più un Paese per fabbriche

Stiamo seguendo il dramma della progressiva dismissione di produzioni della Electrolux in Italia, che tocca da vicino anche le nostre zone, con lo stabilimento di Solaro dove lavorano circa 920 persone, probabilmente la più grande fabbrica metalmeccanica rimasta in tutta la provincia di Milano. Purtroppo è solo l'ultimo caso di una lunghissima serie di cui siamo stati chiamati a dar conto negli ultimi 25 anni. Stavolta, raccogliendo le impressioni e le preoccupazioni tra i dipendenti, mi è capitato anche di sentire una lavoratrice che, pensando all'azienda, ha detto: “Non ce l'ho con loro, ma con questo Stato che non fa niente per tenerli qui”. In questi giorni sono in corso incontri istituzionali e ci auguriamo tutti che la signora venga smentita dai fatti, ma la sua è una sensazione diffusa. Questo Paese non è più in grado di tenere le grosse produzioni industriali: le multinazionali che possono scegliere, scelgono di non produrre più in Italia. Per un problema di costi, ovviamente e soprattutto (pare che in Polonia facciano le stesse lavastoviglie con un costo orario di meno della metà) ma anche per altri grossi problemi: trasporti, logistica, energia e… burocrazia. Per la mancanza assoluta di certezze sul piano autorizzativo e legale. Produrre manufatti in Italia oggi è difficilissimo e chi continua comunque a farlo, rispettando le regole, va considerato un vero e proprio eroe. Intanto però, prepariamoci ad un cambio radicale di prospettiva. Il nostro non sarà mai più un Paese di fabbriche e deve puntare a vivere delle immense risorse che possiede: arte, cultura, turismo ed eccellenze agroalimentari. E' evidente che sarà un passaggio traumatico, ma al momento mi pare l'unico realisticamente perseguibile.

Gabriele Bassani  


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Furto al cimitero di Turate: sparita una Madonna in bronzo

Una banda di ladri si è introdotta nel cimitero di Turate per rubare una statua in bronzo della Madonna: alta più di un metro,...
rapina super comasina

Milano, rapina al supermercato in Comasina: presi dai “falchi” poco dopo | VIDEO

Ieri sera a Milano la Polizia di Stato ha arrestato in flagranza di reato due cittadini italiani 31 e 38 anni per la rapina...

Vandali contro il defibrillatore: indignati i volontari di Cislago Cuore

Non si capisce perché i vandali continuino a prendersela con le teche dei defibrillatori. Hanno colpito di nuovo, stavolta sulla Varesina, vicino il poliambulatorio...

Lombardia zona bianca sabato 31 e domenica 1 agosto: niente coprifuoco, ristoranti aperti al...

Weekend di zona bianca per la Lombardia. Negli ultimi giorni i numeri, sia dei ricoverati in terapia intensiva sia quelli ricoverati non in terapia...
misinto ribaltata

Misinto, perde il controllo dell’auto e si ribalta, ragazza in ospedale | FOTO

Alle 6.40 di questa mattina diversi mezzi di soccorso sono intervenuti a Misinto, dove un'auto si è ribaltata sulla via San Siro.  L'incidente si è...

Alluvione sul Lago di Como: anche i volontari di Bollate, Paderno, Misinto, Lazzate, Cogliate...

Il maltempo dell'ultima settimana non ha risparmiato la Lombardia, in particolare la zona del Lago di Como: i violenti temporali, infatti, hanno provocato frane...
Gianetti consiglio

Gianetti Ceriano: nuova convocazione al Ministero per il 4 agosto

Il nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico per il futuro della Gianetti di Ceriano Laghetto è in programma il prossimo 4 agosto. La seconda...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !