Home STORIE Anna Maiorano incontra il Papa per affidargli la foto di Valerio

Anna Maiorano incontra il Papa per affidargli la foto di Valerio

papaL’incontro con Papa Francesco, un raggio di luce nella disperazione. Così Anna Maiorano, di Senago,  ha descritto la straordinaria esperienza vissuta la scorsa settimana quando si è recata a Roma per incontrare il Santo Padre. Una disperazione, la sua, co­minciata il 12 luglio del 2012 con la morte del figlio Valerio Zeffin, una vita stroncata nel fiore della giovinezza in un tragico incidente mentre il ragazzo appena 18enne si trovava in sella alla bici. Una tragedia che giorno per giorno ha saputo riproporre un dolore insopportabile ed una sola domanda: “Perché?”. 
“Non trovavo consolazio­ne – ha spiegato Anna nel ricordo di quel figlio, tanto amato strappato alla vita così all’improvviso – Ho deciso di scrivere al Papa”. 
In risposta alla seconda let­tera della senaghese un invito per un’udienza, il Pontefice l’avrebbe ricevuta mercoledì 30. Anna è partita alla volta di Roma accompagnata dalla figlia Giorgia, voleva affidare a Papa Francesco una lettera e la foto di Valerio. Arrivata in Vaticano le prime difficoltà. Una guardia l’ha avvertita che per essere ricevuta avrebbe dovuto ritirare un pass il giorno prima dell’appuntamento. 
Anna in un pianto inconso­labile ha deciso di non darsi per vinta. A confortarla un frate, che poco ha potuto ribattere sentendo la storia di quel giovane strappato alla vita mentre “volava” sulla sua bicicletta e di una madre di­venuta quasi atea nell’eterna ricerca di una spiegazione. A cogliere la sua disperazione una suora, che ha deciso di cederle il proprio pass. Anna allora ha preso posto tra le prime file. “Ero con un gruppo di francesi, e molti portatori di handicap”. Il Pontefice è pas­sato, ha accarezzato i malati e poi ha proseguito. 
“Papa Francesco – ha esor­tato la donna – non pensare solo ai disabili, ma anche a chi non c’è più”. Una flebile voce che, nonostante l’im­mensa piazza emozionata ed esortante, non è passata inascoltata. Il Papa si è voltato verso la senaghese, ha fatto un cenno ad un sacerdote che si è recato da Anna e le ha detto: “il Santo Padre avrà due minuti anche per lei”. La scorta del pontefice l’ha aiutata a scavalcare le transenne, il Papa è tornato indietro per raggiungere la donna. “E’ mio figlio – ha esortato Anna con in mano la foto di Valerio in un pianto di gioia e commozione – Papa Francesco prega per lui”. 
“Come sta?” ha ribattuto il Pontefice. 
“E’ morto” ha spiegato Anna. 
“Allora sarà lui che pregherà per te” ha rassicurato Papa Francesco accarezzando la mamma senaghese. 
“E’ stato un gesto che mi ha riempito di gioia, non mi aspettavo davvero che il Papa tornasse indietro per parlare con me. Ero determinata e sarei stata disposta a tutto pur di consegnarGli la lettera e la foto di Valerio, e Lui le ha accolte direttamente nelle sue mani e mi ha omaggiato di due coroncine”. Una storia in cui troppe sembrano le coinciden­ze, dalla mancanza del pass al voltarsi del Papa in una piazza gremita di gente. “Io ho visto un segno – ha raccontato Anna – un segno che mi ha dato un po’ di speranza e mi è servito a trovare quella fede che in parte avevo perso. Vo­levo sapere il perché, volevo sapere se mio figlio è vera­mente in un posto migliore, sono arrivata arrabbiata, ce l’avevo con il mondo intero. L’incontro con Papa Francesco è stata un’esperienza unica, mi ha riempito di una gioia e di una serenità indescrivibile. Sono rimasta stupita ed ho capito che c’è qualcosa di vero e di bello, e l’ho provato sulla mia pelle, con quelle mille difficoltà a cui non mi sono voluta arrendere, con quelle parole umili del Papa e quelle carezze umane che hanno saputo un po’ consolarmi. Sono andata al cimitero e tra le tante coroncine sulla tomba di Valerio c’è anche quella di Papa Francesco, una coroncina come molte ma che brilla di più, e che mi fa scorgere un raggio di luce nella disperazione”.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

video

Anatroccoli intrappolati nel tombino, li salvano i Vigili del fuoco | VIDEO

https://youtu.be/hZ6RqV6oDvs Un gruppo di anatroccoli è rimasto intrappolato in un tombino questa mattina a Cologno Monzese. In loro soccorso, verso le 12,30 è intervenuta una...

Coronavirus, all’ospedale di Bollate si fa i tampone in auto ai dimessi da covid-19

E' attivo presso il Pot di Bollate il servizio drive-trough per effettuare tamponi ai pazienti, già dimessi, direttamente dalle auto. Si tratta di una sperimentazione...

Coronavirus, mascherine della Regione consegnate ai comuni, la distribuzione a Cogliate, Misinto...

Le mascherine protettive annunciate da Regione Lombardia (che ha reso obbligatorio coprirsi naso e bocca fuori da casa) sono state consegnate ieri nei comuni...

Coronavirus, nono morto a Caronno: aveva 84 anni

Purtroppo continua il triste record di morti da Coronavirus a Caronno Pertusella, focolaio della zona: è notizia di queste ore il nono decesso. Si...

Coronavirus: due morti a Gerenzano, un altro a Cislago. Contagi stabili a Saronno

Due morti e 13 contagi da coronavirus a Gerenzano. Lo rende noto il sindaco Ivano Campi comunicando i numeri ufficiali forniti da ATS Insubria....

Coronavirus: Bollate cambia la distribuzione delle mascherine gratis

Il Comune di Bollate cambia le modalità di consegna delle mascherine gratuite, operazione che scatterà dopodomani, mercoledì 8 aprile. Lo ha reso noto il...

Coronavirus, a Cislago pasti a domicilio per anziani e persone in quarantena

Novità importante per gli anziani e le persone in quarantena di Cislago: l’azienda Pellegrini, che ha l’appalto della ristorazione scolastica, si è messa a...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !