Home BOLLATESE Mamma assolta dall’accusa di violenza continua a non poter vedere i figli

Mamma assolta dall’accusa di violenza continua a non poter vedere i figli

i fatti vostri-logo-rai2

Esprimere la propria indignazione, raccon­tare la propria esperienza di malagiustizia per evitare che altri simili episodi si ripetano. Con questo intento lo scorso 7 novembre Rosanna Roma­no, mama di Cesate, accompagnata dal suo legale Francesco Miraglia del Foro di Modena è stata ospite della trasmissione i Fatti vostri condotta, su Rai Due, da Giancarlo Magalli.
Una vicenda triste a cui la redazione del programma ha voluto dare voce appro­fondendo le vicissitudini di questa mamma che abita a Cesate, nell’hinterland milanese e che da diversi anni non può vedere i suoi figli (di 8 e 6 anni) perché in un primo tempo accusata di aver saputo che i suoi figli venivano abusati e di non aver fatto nulla per impedirlo e ora, perché deve sotto­porsi a nuovi accertamenti giudiziari e psicologici al fine di dimostrare di essere un “buon genitore”.
Una denuncia pesante, un’enorme bugia quella a cui è stata sottoposta la donna e che di recente è stata smascherata con l’assoluzione della stessa dal reato di violenza ses­suale. Malgrado Rosanna Romano sia stata dichiarata innocente continua a vedere pochissimo i suoi figli e per questo il suo legale, l’avvo­cato Francesco Miraglia, sta lottando affinché tutto questo cambi.
“Dopo essere stata assolta lo scorso 9 luglio – ha spie­gato Rosanna Romano – ho potuto rivedere mia figlia qualche giorno fa, per un’ora (ogni due mesi) mentre mio figlio non lo vedo da tre anni e mezzo. Attendo ancora che le cose cambino”. ”.
Ora malgrado la situazione sia chiarita Rosanna Romano è stata invitata a fare ulteriori percorsi per poter rivedere i propri figli, che prevedono incontri con lo psicologo e “protetti” con i figli.
“Ho deciso nel 2009 di lasciare mio marito – ha concluso la donna – dopo tante percosse e ho chiesto aiuto ai servizi sociali un collocamento in casa famiglia dopo aver fatto denuncia ai Carabinieri. Non essendo possibile mi hanno invitato a portarli dai suoceri. Io fino ad agosto 2009 non ho mai avuto problemi con loro, poi…”. 

 

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Coronavirus, scuola media di Cislago in quarantena per 14 giorni

In seguito ai dati allarmanti delle ultime settimane, l'Ats Insubria ha dato l'ok per la chiusura della scuola media Aldo Moro di Cislago. La...

Tram Limbiate – Milano, da lunedì servizio bus gestito da Air Pullman

Già da giovedì sera, sulla linea Limbiate – Milano al posto dei tram di Atm circolano i bus di Air Pullman e da lunedì...

Ipotesi lockdown per la Città metropolitana di Milano: spostamenti vietati e chiusure

Spostamenti vietati e chiusure delle attività ritenute "non essenziali". La città metropolitana di Milano va verso un lockdown mirato per contenere i contagi da...

Covid, primi hotspot in Brianza anche a Varedo e Limbiate

Dopo l’avvio nel Bresciano, tocca alla Brianza, con l’apertura a Varedo da lunedì, poi seguiranno Limbiate, dove è già operativo anche un centro tamponi...

Omicidio in ospedale a Garbagnate, l’infermiere killer lavora al Sacco. La Vita in diretta...

Lavora al Sacco di Milano, quello che è già stato ribattezzato come infermiere killer. Una storia choc i cui contorni non sono ancora pienamente...
prima pagina notiziario

Omicidio in ospedale a Garbagnate; 15enne muore investito a Rovello | ANTEPRIMA

Questa settimana apriamo il notiziario con la notizia di un omicidio commesso all’interno dell’ospedale di Garbagnate Milanese: secondo quanto ricostruito dai carabinieri, un infermiere...

Attentato a Nizza, il racconto di un lavoratore di Caronno: “Barricato in studio a...

Mentre avveniva l’attentato terroristico a Nizza, questa mattina, a pochi passi dalla chiesa di Notre Dame si trovava anche Paolo Arnaboldi, di Caronno Pertusella:...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !