Home STORIE Simone gira il mondo in cucina, portando Cogliate nel cuore

Simone gira il mondo in cucina, portando Cogliate nel cuore

SimonePezzulla
Simone Pezzulla
Sta facendo incetta di titoli e riconoscimenti prestigiosi portando la tradizione culinaria italiana in giro per il mondo. Così Simone Pezzulla, a soli 24 anni, ma con già 10 anni di lavoro in cucina alle spalle, accresce la sua esperienza nazionale ed internazionale a colpi di premi. Gli ultimi in ordine di tempo sono la medaglia d'argento ottenuta a Catania al concorso Italian Style 2013, e il 2° posto al Campionato di gastronomia italiana, trofeo Alfredo Leone di Castalpagano (Benevento), dove ha presentato, rispettivamente, un risotto all'arancia con filetti di tonno scottato all'arabica e un risotto con pancetta affumicata, crescenza, taleggio e riduzione di aceto balsamico, quest'ultimo affiancato dal giovanissimo Alessandro Basilico, anch'egli cogliatese. Ora si trova in Svizzera, al lavoro in un hotel 5 stelle, ma rientrerà a giorni nella “sua” Cogliate. “Quando lavoro fuori dall'Italia e mi chiedono di dove sono non dico mai Milano o Saronno ma mi piace ricordare che sono Cogliate, il paese che porto nel cuore” -ci racconta Simone, che ha cominciato a lavorare proprio qui, al ristorante La Madonnina, per poi iniziare a viaggiare, girando un po' tutta l'Europa, con tappe a Londra, Germania, Francia. Il prossimo 13 gennaio sarà a Caserta per la presentazione nazionale del libro “Una ricetta al giorno leva il medico di torno”, edito da Spaghetti Italiani. Vi saranno 365 ricette proposte da altrettanti chef, tra cui il “Risotto con scampetti, zenzero e lime al profumo di vaniglia”, firmata proprio da Simone Pezzulla, che è tra l'altro in gara al concorso online sulla pagina frescochef.frescopesce.it con la sua ricettta “Intensità della terra e del mare”. E' stato inoltre selezionato tra i finalisti dal concorso “I primi in pizzeria” curato dallo chef di fama mondiale Heinz Beck. “Nel mio lavoro cerco di metterci sempre passione, tanta umiltà e voglia di imparare. Le possibilità di lavorare ci sono, devi essere disposto a muoverti e a fare fatica e, soprattutto, fare tesoro delle esperienze: un'acciuga si la posso cucinare in 15 modi diversi, una per ogni regione d'Italia in cui ho lavorato. Il mio sogno è naturalmente quello di aprire un mio ristorante, dove poter proporre tutte le cose che ho imparato in giro per il mondo, ma che siano sempre alla portata di tutti”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Fermi a comprare droga in macchina, rischio incidenti a Origgio e Uboldo

“Continuiamo a rischiare incidenti per colpa di chi si ferma a comprare droga”. Si moltiplicano le segnalazioni di automobilisti esasperati da quanto sia divenuta...
lavori strada

Milano-Meda: cantieri mobili di giorno e chiusure di notte per manutenzione

Riprendono da stanotte i cantieri sulla Milano – Meda per attività di manutenzione straordinaria e per le indagini previste nell’operazione ponti sicuri. I controlli sotto...
vaccino sindaci

Vaccino: Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano lo fanno in proprio, nella sede della Croce...

Da questo pomeriggio gli anziani over 80 di Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano Laghetto, stanno ricevendo la vaccinazione anti-Covid dal loro medico di base,...
carabinieri controllo Groane

Carabinieri travestiti da runners prendono pusher 22enne tra Solaro e Limbiate

Nella giornata di sabato 6 marzo i Carabinieri del Nucleo operativo di Saronno hanno arrestato un 22enne di origine marocchina per spaccio di sostanze...

8 marzo, “Just Like a woman” uno spettacolo sull’universo femminile col patrocinio di Saronno

«Femminicidio fenomeno impressionante, scuote la coscienza del paese». Lo ha detto questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al...

Covid, Draghi valuta l’idea di una super zona rossa per tutta Italia da settimana...

La situazione covid in Italia è tornata a complicarsi ulteriormente nelle ultime settimane e, nonostante le misure restrittive prese negli ultimi giorni (tra cui...

Troppo difficile lavorare a casa? A Origgio si può fare smart-working a Villa Borletti

Possono essere tanti gli ostacoli allo smart-working: figli a casa da scuola che hanno bisogno di attenzioni, rumori e vociare continui, incombenze domestiche varie....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !
"