Home BOLLATESE Bollate presenta l'Alzheimer Cafè

Bollate presenta l’Alzheimer Cafè

stemmaUna nuova iniziativa sociale arriva in città. Si tratta dell’Alzheimer Café, uno spazio di socializzazione e animazione, destinato ai malati di Alzheimer ma anche ai loro parenti. Un’iniziativa nuova e sperimentale, voluta dall’Amministrazione comunale e realizzata grazie alla disponibilità e competenza del Consultorio familiare Centro di Assistenza alla Famiglia, per andare incontro alle persone che soffrono di questa malattia, per molti aspetti ancora sconosciuta. Le sedi  dell’iniziativa, che partirà il 15 marzo, saranno l’Oratorio femminile di via Donadeo 2 e l’adiacente Consultorio di via Repubblica 1.
Per consentire alla città di conoscere e capire la bontà dell’iniziativa e per raccogliere le prime adesioni tra le famiglie toccate dal problema dell’Alzheimer, i promotori hanno organizzato una serata di presentazione. L’incontro si terrà il 6 febbraio alle ore 21, presso la Biblioteca di Bollate (piazza Dalla Chiesa) e servirà a spiegare alla città il nuovo originale servizio.

“L’idea – dice il sindaco di Bollate Stefania Lorusso – è nata dal desiderio di parlare Chiaramente e apertamente di una malattia poco nota, del dolore e delle difficoltà che comporta, sia ai malati che alle loro famiglie. Il tutto all’interno di un luogo informale e “intimo”, l’Alzheimer Café, appunto”.
L’Alzheimer Café, lo si capirà bene nella serata di presentazione, sarà strutturato in quattro sabati pomeriggio, che si terranno a partire dal 15 marzo, dalle ore 15 alle 17. Ogni incontro vedrà l’alternanza di momenti collettivi, malati e parenti insieme, e momenti separati. In tutti gli incontri un esperto in musicoterapia coinvolgerà gli anziani affetti da Alzheimer attraverso conversazioni musicali che dovranno risvegliare in loro la memoria e le emozioni. Per i parenti e gli accompagnatori, invece, ci saranno momenti paralleli, nel vicino Consultorio di Bollate, con specialisti diversi ad ogni incontro cui rivolgere domande. L’obiettivo è dare informazioni utili a gestire meglio la malattia e dare un sostegno psicologico attraverso il confronto con persone che vivono lo stesso problema e condividono le stesse difficoltà.
Alla serata di presentazione di giovedì 6 febbraio, ore 21, Biblioteca di Bollate (piazza Dalla Chiesa) parteciperanno il sindaco di Bollate Stefania Lorusso, l’assessore alle Politiche Sociali Marinella Mastrosanti, il direttore del Consultorio di Bollate Claudio Clavarella, gli specialisti coinvolti (il geriatra Sergio Locatelli, la psicologa Elisa Serighelli, l’infermiera professionale Elena Galli e  il musico-terapeuta Antonio Elia) e i volontari che sostengono il progetto.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Paderno Dugnano, al via le vaccinazioni anti-Covid al Centro Anziani di Calderara

Nella mattinata di ieri, 3 marzo, sono iniziate a Paderno Dugnano le vaccinazioni anti-Covid per i cittadini over 80 presso il Centro Anziani di...
solidarietà stipendio

La solidarietà con lo stipendio garantito

A volte forse dovrei mordermi la lingua, o meglio, la penna, ma proprio non ci riesco… Noi italiani siamo un popolo che ha la...
rissa mannaia

Rissa con mannaia e mazza da baseball in centro a Desio

Una rissa tra ragazzi in pieno centro con l'uso anche di una mazza da baseball e di una mannaia usata per minacciare i rivali:...

Solaro, rapine e aggressioni a coetanei, 5 minorenni portati in comunità

Cinque minorenni tutti residenti a Solaro sono stati prelevati dai carabinieri nelle loro abitazioni per essere condotti in comunità di rieducazione su disposizione del Tribunale...

Lombardia, rischio zona rossa: parte il piano di vaccinazione di massa

Nella giornata di oggi, 3 marzo, hanno effettuato il passaggio alla zona arancione rinforzata 18 comuni della Provincia di Mantova, 9 comuni della Provincia...
Bollate droga casa

Bollate, affidata in prova ai servizi sociali, spaccia droga in casa: 36enne arrestata

Ieri pomeriggio a Bollate (MI), la Polizia di Stato ha arrestato una cittadina italiana di 36 anni per detenzione ai fini di spaccio di...

“Ci hanno chiuso a Uboldo”: petizione chiede di modificare il rondò di Saronno

Non si rassegnano i residenti al confine con Saronno: l’isolamento nel quale vivono nell’ultimo tratto di via Ceriani a Uboldo li spinge a riproporre...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !