HomePrima PaginaLa discarica più grande d'Italia è ancora una "bomba ecologica"

La discarica più grande d’Italia è ancora una “bomba ecologica”

“La collina del disonore lombardo”: così il “Corriere della Sera” definiva la cava Porro-Castelli di Gerenzano, divenuta la discarica più grande d'Italia con una tale velocità che solo i grandi guadagni garantiscono. Era il 1964 quando il primo camion, proveniente da Milano, scaricò lì il primo carico di rifiuti; di tempo ne è passato, cdiscaricaerto, ma nessuno ha dimenticato.

Si spiega così il successo della serata “Per non dimenticare. Cinquanta anni di discarica a Gerenzano dal 1962 ad oggi”, organizzata da Pier Angelo Gianni e tenutasi all'auditorium Giuseppe Verdi. “Sotto un manto verde rassicurante – ha evidenziato Gianni – giacciono ancora 11 milioni di metri cubi di rifiuti. Una massa enorme, composta da spazzatura di ogni genere: urbani, industriali e speciali. Poggiano ancora sul fondo ghiaioso, senza gli strati impermeabili necessari a proteggere la falda, come prevedono le norme oggi in vigore, e producono percolato (liquido altamente inquinante) e biogas. È necessario creare sensibilità sulla questione, perché non finisca nel dimenticatoio”. Al momento del dibattito l'atmosfera si è fatta carica: molti gli interventi, accesi gli animi. “Si parla tanto della Terra dei Fuochi, di Napoli, ma la situazione, qui, non è certo migliore – ha commentato un cittadino – Non c'è tempo per rimandare, urge un intervento immediato: siamo di fronte a una vera e propria bomba ecologica. Il Comune deve attivarsi concretamente, non può subire la situazione”. La proposta emersa è di collaborare con altre realtà del territorio, quali ad esempio il Politecnico: sono infatti necessari studi approfonditi, per poi disinquinare. “Verso la fine dell'anno, dati alla mano, sapremo con certezza l'incidenza delle discariche sul nostro territorio”, ha promesso il vice sindaco Pierangelo Borghi.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Traffico paralizzato in Milano Meda per un tamponamento a catena: tre feriti

  Un tamponamento fra tre veicoli in Milano Meda ha generato nel tardo pomeriggio grandi disagi alla circolazione in direzione di Milano, dove i veicoli...

Vince il no al Palio di Gerenzano (49 a 35): rinviato al 2022

Mentre a Uboldo è stato il parroco a decidere di non tenere il Palio delle Contrade a causa della pandemia, consultate la Curia e...

Bollate, quattro nuove telecamere multi ottiche al Parco Martin Luther King

A Bollate sono arrivate quattro nuove telecamere multi ottiche che verranno posizionate in zone particolarmente sensibili del Parco Martin Luther King con l'obiettivo di...
cusano investita strisce

Cusano, anziana investita sulle strisce in centro

Una donna anziana è stata investita da un’auto questa mattina a Cusano Mlanino mentre attraversava sulle strisce pedonali il centralissimo viale Matteotti. La donna di...
qualità vita

La qualità della vita dopo il Covid

Il Covid ha portato nell’ultimo anno grossi cambiamenti nelle nostre vite, ma non è detto che siano tutti negativi. Molti di voi avranno letto...
Garbagnate area cani virus

Garbagnate, area cani chiusa per un allarme virus (ma non è il Covid)

Area cani chiusa per un allarme virus a Garbagnate. La comunicazione alla Polizia locale di Garbagnate è giunta da Ats nei giorni scorsi, la quale...
Baranzate ospedale Sacco donne

Baranzate, l’ospedale Sacco è la “casa sicura” delle donne

L’ospedale Sacco è una “casa sicura” per tutte le donne. L’ospedale Sacco, posto proprio al confine tra Baranzate e Milano, è stato senza dubbio in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !