HomeBOLLATESEColia, braccio destro di Vallanzasca,era della “corea” di Cassina Nuova

Colia, braccio destro di Vallanzasca,era della “corea” di Cassina Nuova

coliaSettimana scorsa a Basiano, in provincia di Milano, è morto in un incidente stradale in moto Antonio Colia, 67 anni e con lui è deceduta anche la compagna, Maria Cristin Rigato. Una morte di cui hanno parlato tutti i mass media nazionali, perchè Colia non era un uomo qualunque: era il braccio destro di Renato Vallanzasca in quella banda che per anni aveva terrorizzato Milano e l’Italia con le sue spettacolari rapine, le sparatorie e gli omicidi.
Colia, soprannominato il “pinella”, era anche più del braccio destro di Vallanzasca, era la mente della banda e quello che, si dice, gestiva gli affari del gruppo composto da ben quindici banditi, oggi quasi tutti morti. Ma ciò che le cronache nazionali non hanno raccontato è che Antonio Colia era di Bollate, o meglio, di Cassina Nuova.
Sì, Colia sin da bambino era cresciuto nella cosiddetta “corea” di via Po e aveva frequentato le scuole cassinanovesi.E a Cassina Nuova diverse persone ancora lo ricordano bene e non lo descrivono certo (quando era giovane) come un feroce delinquente. Tutt’altro. “Me lo ricordo bene – ci racconta un commerciante – andavamo a scuola insieme, eravamo nella stessa classe: lui era timido, studioso, un bravo ragazzo… Poi ha deciso di aprire una carrozzeria a Paderno Dugnano, era un gran lavoratore, sapeva fare il suo mestiere. Ricordo che aveva modificato la carrozzeria di un’auto e per questo, ogni volta che incrociava i vigili, lo fermavano. Una volta non si fermò all’alt di un vigile diPaderno, lo inseguirono fino a Niguarda e lì lo bloccarono. Lui diede un pugno al vigile e per questo finì in carcere per 6 mesi”.
E’ lì che Colia ha conosciuto chi poi lo portò sulla cattiva strada. Nella sua lunghissima carriera criminale ha collezionato quattro ergastoli e 260 anni di carcere ma, dopo averne scontati oltre 30 dietro le sbarre, era stato rimesso in libertà e aveva deciso di chiudere con la malavita.
Una libertà che non ha potuto assaporare a lungo, perchè a volte una moto può essere più pericolosa del mitra di un carabiniere.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Furto al cimitero di Turate: sparita una Madonna in bronzo

Una banda di ladri si è introdotta nel cimitero di Turate per rubare una statua in bronzo della Madonna: alta più di un metro,...
rapina super comasina

Milano, rapina al supermercato in Comasina: presi dai “falchi” poco dopo | VIDEO

Ieri sera a Milano la Polizia di Stato ha arrestato in flagranza di reato due cittadini italiani 31 e 38 anni per la rapina...

Vandali contro il defibrillatore: indignati i volontari di Cislago Cuore

Non si capisce perché i vandali continuino a prendersela con le teche dei defibrillatori. Hanno colpito di nuovo, stavolta sulla Varesina, vicino il poliambulatorio...

Lombardia zona bianca sabato 31 e domenica 1 agosto: niente coprifuoco, ristoranti aperti al...

Weekend di zona bianca per la Lombardia. Negli ultimi giorni i numeri, sia dei ricoverati in terapia intensiva sia quelli ricoverati non in terapia...
misinto ribaltata

Misinto, perde il controllo dell’auto e si ribalta, ragazza in ospedale | FOTO

Alle 6.40 di questa mattina diversi mezzi di soccorso sono intervenuti a Misinto, dove un'auto si è ribaltata sulla via San Siro.  L'incidente si è...

Alluvione sul Lago di Como: anche i volontari di Bollate, Paderno, Misinto, Lazzate, Cogliate...

Il maltempo dell'ultima settimana non ha risparmiato la Lombardia, in particolare la zona del Lago di Como: i violenti temporali, infatti, hanno provocato frane...
Gianetti consiglio

Gianetti Ceriano: nuova convocazione al Ministero per il 4 agosto

Il nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico per il futuro della Gianetti di Ceriano Laghetto è in programma il prossimo 4 agosto. La seconda...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !