HomeEDITORIALIIl "pizzo" legalizzato dello Stato

Il “pizzo” legalizzato dello Stato

Se un imprenditore riceve una lettera da un Comune o da un qualsiasi Ente pubblico, che comincia così: “In ottemperanza al DL 24 aprile 2014, n. 66”, già gli viene normalmente l'orticaria, ma se poi va più a fondo della questione, non si esclude anche il travaso di bile.

Il Decreto legge in questione infatti, tra le tante cose, ha autorizzato tutti gli enti pubblici a ridurre gli importi dei contratti in essere per la fornitura di beni e servizi nella misura del 5% per tutta la durata residua dei contratti medesimi.

Cioè: sebbene esista un contratto firmato e registrato che impegna il Comune a pagare 1000 euro l'artigiano, l'ufficio, la piccola impresa, il professionista, per il lavoro svolto, ora il Comune è legittimato a versarne solo 950. Se all'imprenditore non va bene, entro 30 giorni può sciogliere il contratto. Viene dunque introdotta ufficialmente una sorta di “pizzo” legalizzato, quell'orribile sistema con cui la malavita organizzata impone agli imprenditori di versare una quota per avere “protezione”. Lo Stato (in tutte le sue sfaccettature), sostanzialmente disconosce i contratti che ha firmato. La firma e il timbro che corredano l'accordo stipulato magari un anno prima, o anche solo il giorno prima, non valgono più nulla. Dice: “Per ridurre i costi della pubblica amministrazione”. Già, togliendo il 5% a tutti, indistintamente, lasciando invece che i ladri, dentro e fuori la pubblica amministrazione, continuino a farla franca.   

Gabriele Bassani 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

bar aperto tavolini

Coffee & Covid

I contagi da Covid nella nostra zona sono tornati a crescere. Di poco, ma stanno crescendo. I telegiornali non ve lo dicono ancora, perché...

Grave incidente tra Ceriano e Rovello, tre feriti in un frontale | FOTO

È di pochi istanti fa l'incidente che si è verificato sulla Sp31, strada provinciale che da Ceriano Laghetto porta a Rovello Porro. Si...

Monza e Brianza, 380mila euro per migliorare sicurezza e impianti di videosorveglianza

"Migliorare la sicurezza sui territori, anche con con la realizzazione di nuovi impianti di videosorveglianza". È questo uno degli obiettivi fondamentali di Regione Lombardia...

Caronno: scoperta serra di marijuana in casa, 48enne ai domiciliari

Aveva allestito alcune stanze di casa come serre, con tanto di lampade solari, per la produzione di marijuana: è così finito in manette un...
Limbiate Istituto via pace

Limbiate, 26 insegnanti in isolamento nell’Istituto comprensivo di via Pace

A Limbiate ci sono 26 docenti in isolamento fiduciario nell'istituto comprensivo di via Pace. Sono 13 maestre della primaria di via Pace e 13...

Busto Arsizio, incidente sul lavoro: operaio 49enne muore schiacciato da un tornio

Nella mattinata di oggi, mercoledì 5 maggio, Christian Martinelli, operaio di 49 anni di Sesto Calende, è morto dopo essere rimasto schiacciato da un'enorme...
Bollatese Teva Nerviano lavoratori

La Teva di Nerviano chiuderà: molti lavoratori a rischio anche a Bollate e dintorni

Annunciata la chiusura della Teva di Nerviano: ci lavorano anche molti residenti del Bollatese. La Teva Italia di Nerviano chiuderà nel 2022, lasciando a casa...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !