Home EDITORIALI A Tabiano, dalle terme ai profughi

A Tabiano, dalle terme ai profughi

Alcuni giorni fa sono andato a Tabiano, una località vicina a Salsomaggiore un tempo famosa per le sue terme, per i suoi hotel e negozi. Oggi in certe vie appare una città fantasma: hotel chiusi, negozi abbandonati, strade vuote.

Però si vedono in giro parecchi richiedenti asilo. Tabiano ha 492 abitanti e ospita 120 profughi (tutti uomini, tutti giovani, neppure una donna, neppure un anziano) poiché tre albergatori hanno messo a disposizione i loro hotel, con buona pace degli altri che sfidano la crisi cercando di richiamare ancora i turisti.
Un giornalista della Gazzetta di Parma mi ha spiegato che gli albergatori che ospitano i profughi ricevono dallo Stato, per la loro gestione, 27 euro netti al giorno a profugo, ossia un milione e 182mila euro netti all’anno da dividere in tre.

A quel punto, non certo per razzismo ma perché ho una testa sulle spalle, mi sono chiesto: ma quanto spende l’Italia ogni anno per ospitare i richiedenti asilo?

Ebbene, ho cercato a lungo in Internet, ma una risposta certa non l’ho trovata, forse non esiste: c’è chi dice 885 milioni di euro all’anno, chi  1.162 milioni, chi 3,3 miliardi, chi dice cifre ben più alte.

Numeri lontanissimi tra loro. Ma perché non dirlo con chiarezza? Io non dico, come fa qualcuno, che sia giusto pensare prima agli Italiani senza casa nè lavoro che non ai profughi, perché sarebbe una guerra tra poveri, ma qui con la scusa dell’emergenza si sta gestendo una marea di soldi in modo che non mi pare chiaro.

Ho l’impressione che dietro a questa ospitalità ci sia chi (italiano) sta facendo tanti, tanti soldi e credo sia un diritto di tutti noi Italiani avere risposte precise, sapere quanti soldi si spendono, se ci sono controlli rigidi, se tali soldi vengono spesi davvero e sempre a fini umanitari o se non diventino a volte l'ennesimo contributo “a pioggia” a qualche furbo.

Piero Uboldi


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Fermi a comprare droga in macchina, rischio incidenti a Origgio e Uboldo

“Continuiamo a rischiare incidenti per colpa di chi si ferma a comprare droga”. Si moltiplicano le segnalazioni di automobilisti esasperati da quanto sia divenuta...
lavori strada

Milano-Meda: cantieri mobili di giorno e chiusure di notte per manutenzione

Riprendono da stanotte i cantieri sulla Milano – Meda per attività di manutenzione straordinaria e per le indagini previste nell’operazione ponti sicuri. I controlli sotto...
vaccino sindaci

Vaccino: Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano lo fanno in proprio, nella sede della Croce...

Da questo pomeriggio gli anziani over 80 di Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano Laghetto, stanno ricevendo la vaccinazione anti-Covid dal loro medico di base,...
carabinieri controllo Groane

Carabinieri travestiti da runners prendono pusher 22enne tra Solaro e Limbiate

Nella giornata di sabato 6 marzo i Carabinieri del Nucleo operativo di Saronno hanno arrestato un 22enne di origine marocchina per spaccio di sostanze...

8 marzo, “Just Like a woman” uno spettacolo sull’universo femminile col patrocinio di Saronno

«Femminicidio fenomeno impressionante, scuote la coscienza del paese». Lo ha detto questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al...

Covid, Draghi valuta l’idea di una super zona rossa per tutta Italia da settimana...

La situazione covid in Italia è tornata a complicarsi ulteriormente nelle ultime settimane e, nonostante le misure restrittive prese negli ultimi giorni (tra cui...

Troppo difficile lavorare a casa? A Origgio si può fare smart-working a Villa Borletti

Possono essere tanti gli ostacoli allo smart-working: figli a casa da scuola che hanno bisogno di attenzioni, rumori e vociare continui, incombenze domestiche varie....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !
"