Home Prima Pagina Agente infedele intascava i soldi dell'assicurazione, spariti 550mila euro

Agente infedele intascava i soldi dell’assicurazione, spariti 550mila euro

Assicurazione pagate ma mai attivate dal sub-agente infedele: una truffa da 1,2 milioni di euro ai danni di numerosi residenti a Saronno e comuni limitrofi.

Oltre che sul piano penale, per il quale sono già in corso procedimenti giudiziari, il sub-agente dovrà rispondere anche di evasione fiscale.

Il meccanismo truffaldino, scoperto dalla Guardia di Finanza della compagnia di Saronno, a cui si sono rivolti numerose vittime,  era molto semplice e consisteva nel confezionare polizze assicurative fasulle, predisposte al solo fine di intascare e appropriarsi dei relativi premi assicurativi, con la spiacevole conseguenza per gli ignari clienti – peraltro vittime della fiducia accordata all’assicuratore – convinti di avere in mano una polizza pagata ma, di fatto, privi di ogni forma di copertura assicurativa.

Tutta la documentazione acquisita e analizzata dai militari nel corso delle perquisizioni e delle indagini disposte dall’Autorità Giudiziaria, ha consentito di definire i contorni di questa vicenda, rendendo possibile la identificazione della maggior parte dei clienti truffati e di quantificare il consistente giro d’affari illecitamente conseguito, suscettibile di inquinare il tessuto economico legale.

 

Le investigazioni sono state sviluppate anche sotto il profilo economico – finanziario con l’ausilio delle indagini bancarie per intercettare i flussi finanziari generati dal sistema truffaldino posto in essere ed hanno riguardato l’individuazione delle movimentazioni finanziarie transitate

sui conti correnti, consentendo di svelare una perdurante condotta illecita posta in essere dall’indagato a danno dei numerosi clienti raggirati, dai quali aveva ricevuto le somme di denaro per il pagamento dei premi assicurativi.

Attraverso le prove raccolte, è stato scoperto che in minima parte le somme illecitamente sottratte e riscosse sono state restituite ai malcapitati nel corso delle investigazioni, mentre per la maggior parte sono state sperperate dal truffatore.

Oltre ai profili di tipo penale derivanti dalla commissione del reato di truffa aggravata e continuata, il soggetto adesso dovrà definire anche la propria posizione nei confronti dell’Erario.

Infatti, tutte le somme di denaro sottratte e non restituite agli ignari clienti, quantificate in oltre 550.000 euro, negli anni dal 2012 al 2015, costituiscono proventi illeciti realizzati senza il pagamento delle imposte, assoggettabili ad imposizione in quanto provento di reato.

Per tale motivo è stata interessata la competente Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione delle imposte evase e l’irrogazione delle relative sanzioni.



EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

cesate sgombero ditta furto

Garbagnate, spaccio di droga nel parco, alla vista dei carabinieri ingoia la cocaina

I carabinieri di Garbagnate hanno arrestato ieri pomeriggio per spaccio due giovani sorpresi a raccogliere droga da un nascondiglio nel parco della Garbatella. Alle 16,30...
Bollate investito

Bollate, anziano in bicicletta investito da un’auto, è incosciente e senza documenti

Un uomo di circa 75 – 80 anni è stato investito questa mattina a Bollate mentre era in sella alla sua bicicletta, ma non...

Nuovo Dpcm: verso spostamenti vietati tra Comuni a Natale e Capodanno oltre al coprifuoco

Divieto di uscire dal proprio comune a Natale e Capodanno. E' questa una delle nuove ipotesi che emerge dalla bozza del nuovo Dpcm che...

Bollate, iniziano i lavori di riqualificazione di un’area confiscata alla criminalità organizzata

Nei giorni scorsi sono iniziati i lavori per la riqualificazione dell'area di via Verdi, davanti a via Caloggio, acquistata dal Comune di Bollate nell'ambito...

Garbagnate: in bici nel Parco, minacciato con la pistola e picchiato, l’aggressore preso e...

Un uomo di Garbagnate è stato minacciato con la pistola e picchiato mentre pedalava in bici nel Parco delle Groane. E' stato aggredito e brutalmente...
Bollate minacce morte box

Bollate, minacce di morte sulla porta del box di casa

Episodio sconcertante a Bollate, due settantenni hanno trovato minacce di morte sulla porta del box di casa. Una scritta dal significato inequivocabile (r.i.p., ossia “Riposa...
coronavirus Garbagnate ospedale

Coronavirus, Garbagnate: cala la pressione sull’ospedale

Coronavirus, a Garbagnate finalmente cala la pressione sull’ospedale. Se i numeri mostrano chiaramente che il virus ha cominciato ad allentare la presa (a Garbagnate, ma...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !