Home BRIANZA I richiedenti asilo sono scappati e il Comune canta vittoria

I richiedenti asilo sono scappati e il Comune canta vittoria

Una delle manifestazioni contro l'apertura del centro d'accoglienza a Lazzate

I 4 richiedenti asilo ospiti a Lazzate hanno fatto perdere le loro tracce o, come ha spiegato il prefetto di Monza e Brianza, “si sono allontanati volontariamente”.

Da ieri in uno dei due appartamenti della palazzina di via Volta acquistati a luglio dalla società che cura l’accoglienza ai migranti per conto della Prefettura non c’è più nessuno. L'altro è sempre rimasto vuoto.  

Il Comune “canta vittoria”, parlando di “chiusura del centro profughi” ma la realtà è un’altra e l’ha spiegato proprio il prefetto Giovanna Vilasi: “Il nucleo famigliare ospite a Lazzate (due donne e due bambini piccoli, figli di una di esse, ndr) si è allontanato autonomamente, se non farà rientro entro qualche giorno, fornendo spiegazioni adeguate, sarà considerato fuori dal programma di protezione. Quegli spazi saranno destinati ad altri richiedenti asilo non appena ce ne sarà la necessità”.

Ma il Comune, da sempre contrario all'apertura del centro d'accoglienza, contro il quale erano scesi in piazza anche i citttadini, rivendica la vittoria come scriveva ieri pomeriggio l’assessore Andrea Monti: “Incassiamo questa prima vittoria, constatando che per una volta possiamo dire che non vince la prepotenza e l'arroganza di chi vuol imporre progetti di questo tipo all'insaputa di tutti e calpestando la stessa amministrazione comunale. Ma non è ancora finita – ammonisce Monti – perché è chiaro che l'intenzione dell'Associazione sarà quello di attivare nuovamente in futuro il centro.

Per questo chiediamo al Prefetto di convocarci immediatamente, al fine di informarci sulle intenzioni future e darci la possibilità di illustrare tutti i punti di contrarietà e di difformità degli immobili, rispetto a quell'attività, che abbiamo più volte ribadito negli ultimi mesi. Attendiamo fiduciosi”.

Ulteriori dettagli nell'articolo su "Il notiziario" in edicola domani


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

cocaina mascherina monopattino

Cocaina nella mascherina e fuga in monopattino, spacciatore arrestato a Milano

La Polizia di Stato ha arrestato l’altra notte a Milano un uomo per detenzione e spaccio di droga: aveva la cocaina nascosta nella mascherina...
metropolitana coltello

Vuol salire in metropolitana senza mascherina e tira fuori un coltello, 71enne arrestato

La Polizia è intervenuta ieri mattina alla fermata della metropolitana di Lambrate dove un 71enne senza mascherina pretendeva di salire a bordo di uno...

Gianni Rodari insegnò a Uboldo: conservato qui uno dei suoi quaderni

Nel centesimo anno dalla nascita di Gianni Rodari, celebrato ieri, si riscopre il forte legame di Uboldo col famoso scrittore di libri per bambini. Un...
donna computer mail

Brugherio, quasi 2 anni di mail oscene ad una coppia e ai loro amici,...

Due anni di insulti a sfondo sessuale inviati a una coppia di coniugi e a loro colleghi e conoscenti: i carabinieri di Brugherio sono...

Covid, l’appello del sindaco di Cislago ai ragazzi: “Aiutateci, rinunciate a divertimento e socialità”

In questo periodo d’impennata dei contagi da Covid-19, il sindaco di Cislago Gianluigi Cartabia si appella ai giovani: “Aiutateci. i vostri bis bisnonni avevano...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO

Covid, numeri impressionanti, mentre mancano vaccini e medici; a Saronno caso di Tbc a...

Apertura inevitabilmente dedicata all’emergenza sanitaria anche questa settimana per il notiziario: la situazione è critica anche perché non ci sono ancora i vaccini antinfluenzali...

Dopo Saronno ci prova Caronno: in arrivo raffica di “Zone 30”

Dopo la sperimentazione non proprio felice di Saronno, dove il limite di 30 all’ora aveva creato una valanga di contestazioni, ci prova Caronno Pertusella:...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !