Home NORD MILANO "Cambiamo nome a piazza Cadorna, mandò al macello migliaia di soldati"

“Cambiamo nome a piazza Cadorna, mandò al macello migliaia di soldati”

Gianfranco Morelli con il suo libro "Muti passarono"

Ripristinare l’antico monumento ai Caduti solaresi e togliere l’intitolazione della piazza delle scuole al generale Cadorna: è la proposta lanciata a sindaco e consiglio comunale di Solaro da Gianfranco Morelli in occasione del 4 novembre.   

Morelli, docente di scuola superiore, già consigliere comunale e assessore, appassionato di storia ed autore del libro “Muti passarono”, che ricorda tutti i caduti della Grande Guerra di Solaro, Ceriano Laghetto e Cogliate (all’epoca comune unico), invita ad una riflessione con due proposte concrete.

“Nel 1920 -spiega Morelli-  a due anni dalla fine del primo conflitto mondiale, mentre i reduci continuavano ancora a morire segnati dalle ferite nel corpo e nell’anima e la “spagnola” mieteva vittime civili in numero maggiore a quello dei caduti sui campi di battaglia, il sindaco di Solaro Giuseppe Colombo inaugurava tra le tombe del cimitero cittadino il monumento alla memoria dei caduti solaresi. Progettata dall’architetto Zanchetta, la scultura rappresentava una candida figura dolente abbracciata alla croce, appoggiata ad un basameno che, oltre ai nomi dei caduti riportava la semplice frase: “Ai caduti di Solaro, la riconoscenza della Patria, la pace di Cristo”  .

Si trattava di un’opera ispirata alla “pietas cristiana”, ben lontana dalle altre che sotto il regime fascista sarebbero state erette in tutta la penisola e improntate alla retorica celebrativa della vittoria espressa in forma di obelischi, aquile rampanti, selve di baionette, bandiere impugnate come lance da eroi/semidei con lo sguardo proteso all’orizzonte.

Quel semplice e candido monumento rimase nel cimitero di Solaro per più di mezzo secolo, fino a quando nel 1973, con l’inaugurazione in via drizza del nuovo monumento ai caduti delle due guerre mondiali, non venne demolito. Lapidi e basamento sono andati distrutti ma la scultura, pressoché integra, è oggi appoggiata ad un muro del camposanto”.

“Credo che sarebbe un bel regalo per la città -continua Morelli-  riportare alla luce un così bel simbolo della memoria e della coscienza collettiva trovandole idonea collocazione in vista del 4 novembre 2018, centenario della fine della grande guerra. 

E inoltre si potrebbe anche pensare di intitolare ai nostri caduti del 15-18 la piazza che oggi porta il nome di quel generale Luigi Cadorna di cui tutta la storiografia contemporanea deplora la conduzione dell’esercito italiano nel corso della guerra. Unicamente interessato a rinverdire i fasti del padre Raffaele, eroe delle guerre risorgimentali e conquistatore di Porta Pia, Luigi Cadorna mandò gratuitamente al macello migliaia di fanti con la sconsiderata e suicida tattica delle “spallate”, impose il terrore alle truppe con centinaia di fucilazioni di disertori veri o presunti e infine tentò di attribuire alla viltà dei soldati il disastro di Caporetto, frutto dell’inettitudine e dell’arroganza dello stato maggiore che a seguito di ciò venne quasi totalmente destituito.
A un secolo di distanza la storia può fare giustizia mettendo da parte le stellette e rendendo onore alle gavette”.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Attentato a Nizza, il racconto di un lavoratore di Caronno: “Barricato in studio a...

Mentre avveniva l’attentato terroristico a Nizza, questa mattina, a pochi passi dalla chiesa di Notre Dame si trovava anche Paolo Arnaboldi, di Caronno Pertusella:...

Droga, fra Garbagnate e Caronno spunta un capanno dello spaccio

Trovato nei boschi della frazione Bariola di Caronno Pertusella, in via Vivaldi al confine con Garbagnate, un accampamento dei pusher: una tenda dove spacciano...

Ladri scatenati nei cantieri di Uboldo e Origgio: rubano attrezzi usando l’autogrù

Si stanno moltiplicando i furti commessi ai danni dei cantieri edili. Al punto che si è diffusa la voce e molti responsabili mettono gli...
rissa covid

Maxi rissa al parco con catene e tirapugni, c’è anche un minorenne positivo al...

Nella giornata di ieri, alle ore 19,30 circa, a Sesto San Giovanni, i carabinieri della Compagnia di Sesto sono intervenuti nei pressi dei giardini...

Omicidio in ospedale a Garbagnate, dose letale allo zio: arrestato infermiere di Paderno

Avrebbe aumentato la dose di sedativi allo zio malato terminale presso l'ospedale di Garbagnate Milanese. Con questa accusa un infermiere di Paderno Dugnano è...
Limbiate tamponi code

Tamponi in auto a Limbiate e Monza, da domani prenotazione per evitare code

Da domani, giovedì 29 ottobre sarà attiva una pagina web  per la registrazione e l’accodamento degli utenti, in modo ordinato e controllato, per l’accesso...
ambulanza intossicati

Lite tra colleghi in ditta, ambulanze e carabinieri a Novate Milanese

Ambulanze, carabinieri e auto medica a Novate Milanese per una lite tra lavoratori in una ditta. L’allarme è scattato poco prima delle 13,30 con una...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !