HomeBOLLATESEVene varicose: novità per la cura della vena safena

Vene varicose: novità per la cura della vena safena

Basta incisioni chirurgiche e lunghi ricoveri per curare le vene varicose degli arti inferiori. Nel corso degli ultimi 10 anni la terapia è cambiata radicalmente evolvendosi in modo rapido ed efficace. E l’Unità Operativa di chirurgia vascolare dell’ospedale di Garbagnate, che vanta una storia di tutto rispetto in questa specialità, diretta da Pietro Mingazzini, è sempre più al passo con i tempi.

Tra le novità più recenti c’è anche la cura delle vena safena.

La nuova metodica di trattamento introdotta dagli specialisti garbagnatesi consente un trattamento efficace, sicuro e rapido della patologia varicosa che interessa gli “assi safenici”. Non è necessario il ricovero perché il trattamento viene eseguito in regime di day hospital.

Alla fine dell’intervento il paziente è immediatamente in grado di camminare e dopo circa un’ora dal trattamento viene dimesso e può tornare a casa.

La nuova modalità di trattamento è stata recentemente sviluppata e collaudata per ottenere l’occlusione safenica minimizzando gli aspetti negativi connessi alle tecniche termoablative o alla scleroterapia ecoguidata, incorporando invece i benefici di entrambe.

Si tratta della Ablazione Endovenosa Meccano-Chimica (anche detta MOCA) mediante uno strumento denominato ClariVein, il quale non fa uso di energia termica, eliminando quindi il rischio potenziale di danno tessutale e nervoso, ed eliminando pertanto anche la necessità di realizzare una anestesia con tecnica tumescente, che può essere fastidiosa.

Questo metodo provoca l’occlusione venosa con una doppia modalità: un filo rotante posizionato all’interno della vena attraverso un catetere determina un danno irreversibile della parete interna della vena stessa; attraverso lo stesso catetere si effettua contemporaneamente l’infusione di un liquido sclerosante che viene “spruzzato” direttamente sulla parete venosa danneggiata, portando alla occlusione immediata della vena.

[adrotate banner = “5”]

L’introduzione del catetere ClariVein viene realizzata con accesso percutaneo ecoguidato o con una piccola incisione (1 cm), ma senza necessità di eseguire una anestesia tumescente lungo la coscia o lungo il polpaccio, accorciando ulteriormente i tempi di esecuzione dell’intervento.

La chirurgia vascolare che da oltre 50 anni è all’avanguardia in questo ospedale – afferma Ida Ramponi, direttore generale dell’Asst Rhodense – ancora oggi mantiene una forte attenzione alle tecniche innovative, con buoni risultati in termini di qualità delle cure ai pazienti ed ampliamento dell’offerta di percorsi di diagnosi e cura”.

Sfoglia la nostra edizione digitale 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Paderno, multa da 400 euro al conducente di un pullman: ha abbattuto un passaggio...

È stato individuato chi ha danneggiato qualche giorno fa il passaggio a livello di Palazzolo a Paderno Dugnano. Nel giro di poche ore la...

Senago, Francesca Mamè sogna Miss Italia: “Le mie origini e quelle critiche dopo Miss...

Si chiama Francesca Mamè, ha 18 anni, ed è Miss Lombardia dallo scorso ottobre. Vive a Senago e con lei abbiamo fatto quattro chiacchiere...

Cislago, incendio in pieno centro, brucia l’ex Casa del popolo | FOTO

Incendio in un edificio storico del centro a Cislago. Verso le 10 l’allarme per fiamme e fumo dall’ex Casa del Popolo in via 4...

L’incidente aereo a Cislago rimane un mistero: scherzo o un meteorite?

Resta il mistero sulla segnalazione di caduta di un velivolo ieri a Cislago, in fondo alla via Cavour (dove si trova la fontana all'incrocio...

Erba, treno travolge auto al passaggio a livello, morto un uomo | FOTO

Un uomo di 57 anni è morto sul colpo questa mattina poco prima delle 9 ad Erba in seguito all’impatto di un’auto con un...
rovello vigili del fuoco

Rovello Porro, auto contro il guard-rail a lato della ferrovia

Momenti di paura ieri sera a Rovello Porro per un’auto fuori controllo finita contro il guard-rail che costeggia la linea ferroviaria Saronno-Como. L’incidente si è...
saronno guardia di finanza

Saronno, arresto e sequestro di beni per procurato fallimento di una società

Un imprenditore di Saronno è stato arrestato dalla Guardia di Finanza con il contestuale sequestro di beni per oltre 500mila euro, per il fallimento...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !