HomeBUONO A SAPERSIAnimali domestici in ospedale: in Lombardia si può

Animali domestici in ospedale: in Lombardia si può

E’ di chi giorni fa la notizia dell’applicazione in Lombardia della legge nazionale che permette agli animali da compagnia di accedere agli ospedali, ma che ne regolamenta anche i modi.
E’ noto infatti che, per chi affronta lunghe e faticose degenze, la presenza del proprio animale domestico, anche solo per una breve visita, è un toccasana per l’umore e quindi anche per il benessere generale.

Naturalmente la presenza di animali all’interno delle strutture ospedaliere, ma anche nelle case di cura, è stata severamente regolamentata. Insomma, Fido non potra certo scorazzare libero in corsia.
Per prima cosa, se vorrete usufruire di questa bellissima opportunità dovrete fare una richiesta scritta all’Ente ospedaliero.
Successivamente verranno concordati i tempi, i modi e gli orari delle visite al degente.
Per tutelare eventuali compagni di stanza del paziente, anche questi dovranno essere informati e d’accordo sulle visite degli animali domestici in corsia.
Ma attenzione: non a tutti gli animali verrà concesso di incontrare il proprio padrone, per ovvie ragioni sanitarie e di sicurezza.
Nei reparti di chirurgia d’urgenza e di terapia intensiva, per esempio, gli animali non potranno comunque entrare.
In più: i cani dovranno essere identificabili con microchip e registrati all’anagrafe canina, e tutti gli animali dovrranno essere in regola con le vaccinazioni.
D’altra parte anche un una comune “pensione per animali”, i nostri amici a quattro zampe non vengono ammessi se non soddisfano questi requisiti.

Anche per le modalità di visita ci sono regole ben precise: i cani dovranno essere tenuti al guinzaglio, lungo al massimo un metro e mezzo, mentre i gatti, ma anche i conigli, dovranno stare in un apposito trasportino, almeno fino al momento della visita al degente. E, per tutti, è d’obbligo la presenza di un accompagnatore maggiorenne. Non rispettare queste regole costerà caro: si parla infatti di multe tra i 150 fino ai 900 euro per i trasgressori.
Al momento in Lombardia sono almeno una quindicina le Aziende ospedaliere che hanno adottato questo regolamento, prima tra tutte Niguarda, che è stata anche set di uno spot informativo, realizzato, e finanziato, dall’associazione “Amo gli animali”.

Presto però l’iniziativa potrebbe essere estesa a tutte le strutture ospedaliere e le case di cura lombarde, mentre anche Toscana e Emilia Romagna si stanno muovendo in questa direzione.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Caronno, paura in piazza Pertini: precipitano le piastrelle del passaggio rialzato

Attimo di forte spavento stamattina, poco prima delle 9, in pizza Pertini a Caronno Pertusella quando diverse piastrelle si sono staccate dal passaggio pedonale...
limbiate william chiappa

Limbiate, tutta l’Italia in “Ciao” al via la sfida di William

Partenza da Predoi (Bolzano), il comune più a Nord d’Italia, arrivo a Porto Palo di Capo Passero, il comune più a Sud d’Italia (esclusa...

Paderno Dugnano, maxi rissa fra albanesi al Villaggio Ambrosiano: 30enne ferito da un coccio...

Ci sono due feriti nella maxi rissa scoppiata in mezzo alla strada nella periferia di Paderno Dugnano. Si conterebbero almeno una decina di persone...

Lombardia cambia ancora: ok al cambio vaccino dopo Astrazeneca. I dubbi di insegnanti...

La Regione Lombardia ha cambiato posizione nel giro di poche ore sul richiamo del vaccino AstraZeneca per le persone che hanno meno di 60...
Limbiate vaccino

Vaccino AstraZeneca, Lombardia sospende richiamo a chi ha meno di 60 anni, in...

In Regione Lombardia sono al momento sospesi i richiami per le persone con meno di 60 anni che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca come...

Paderno Dugnano, ponte chiuso tra Incirano e Nova Milanese: calcinacci sulla Milano-Meda

Chiuso il ponte della Milano-Meda tra Incirano e Nova Milanese. E' il secondo cavalcavia chiuso "in via precauzionale" a Paderno Dugnano in pochi giorno....
vaccino

Stop Astrazeneca per gli under 60: seconda dose con Pfizer o Moderna

Il vaccino Astrazeneca d’ora in avanti sarà somministrato solo a persone dai 60 anni in su. Lo ha stabilito una circolare del ministero della...
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !