HomeBOLLATESECuriosa protesta: “Girate quella panchina!”

Curiosa protesta: “Girate quella panchina!”

Amministrare un comune oggi non è facile perché, pur avendo a disposizione sempre meno soldi, i sindaci devono far fronte a un numero crescente di necessità e richieste da parte dei cittadini, che vanno dall’avere una casa al trovare lavoro, dall’assistenza sociale alle buche nelle strade, dai lampioni spenti alla sosta selvaggia, dal riparare i danni causati dai vandali fino alla panchina. Sì, perché a Bollate il sindaco si trova a dover far fronte perfino alla curiosa protesta di un gruppo di cittadini, per lo più pensionati, che da anni sono affezionati frequentatori di una panchina posizionata davanti all’ufficio postale di via Leonardo Da Vinci.

Quella panchina un tempo era rivolta verso un distributore di carburante e i pensionati passavano lì le loro giornate a chiacchierare e osservare il viavai di auto, scambiando quattro parole col gestore.

Poi il distributore è stato chiuso, al suo posto avrebbe dovuto sorgere una piccola area verde, ma si è scoperto che il sottosuolo era rimasto inquinato dagli idrocarburi per cui era necessario bonificare l’area. Così la zona è stata recintata e la cinta è stata fatta passare proprio di fronte alla panchina dei pensionati; un fitto telone verde che toglie completamente la visuale.

All’inizio si pensava che la bonifica fosse cosa rapida, così i pensionati hanno atteso con pazienza di veder rimossa la cinta davanti ai loro visi per ammirare il parchetto. Invece no, la bonifica sta procedendo con una lentezza imbarazzante (pare che la società petrolifera che deve compiere i lavori non abbia alcuna fretta) e così sono passati anni.

Qualche pensionato, nel frattempo, è venuto meno, gli altri adesso sembrano aver perso la pazienza; qualcuno ha contattato la nostra redazione chiedendo, a nome di tutti, che il Comune intervenga: se non può far velocizzare la bonifica, almeno stacchi la panchina dal suolo e la giri dall’altra parte, così che i pensionati, anziché vedere la cinta del cantiere, possano vedere, per lo meno, l’ufficio postale col suo viavai di gente.

Ci sono problemi più urgenti a cui pensare a Bollate? Sicuramente sì, ma la qualità della vita in una città si giudica anche dalle piccole cose.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Disabili e pandemia. Gerenzano: “Mia figlia promossa e… abbandonata”

“Avrei preferito che mia figlia fosse bocciata piuttosto che farle concludere le superiori senza che abbiamo le idee chiare sul suo futuro, su quale...

Omicidio Arese, dopo avere ucciso la moglie, ha provato ad ammazzare anche il figlio

“Ho ucciso tua madre, ora tocca a te”. Sono le parole che avrebbe pronunciato Jaime Moises Rodriguez Diaz, il 41enne messicano che sabato mattina...
caronno danni temporale

Vento e temporale, danni a Caronno Pertusella e pianta caduta sulla Milano-Meda

Numerosi interventi dei Vigili del fuoco nella nostra zona per il maltempo di questo pomeriggio, domenica 20 giugno. Situazioni più critiche nella zona tra...

Biassono, i Vigili del Fuoco salvano uno scoiattolo caduto dentro una canna fumaria |...

Oggi, domenica 20 giugno, alle ore 8.30 intervento di soccorso particolare nel Comune di Biassono, in Via Alberto da Giussano 26B, per il recupero...
carabinieri chiusura locale

Rapinata gioielleria a Saronno, persa la refurtiva durante la fuga

Due rapinatori di una gioielleria in fuga, perdono la refurtiva inseguiti da passanti e carabinieri, e adesso sono ricercati. E' successo a Saronno questo pomeriggio...

Piove al palasport di Caronno, il Volley: “Rischiamo il prossimo campionato”

Ogni volta che c’è un temporale, continua a piovere dal tetto del palasport di Caronno Pertusella, col risultato che le partite di basket e...

Omicidio ad Arese, in casa anche i tre figli della coppia che hanno dato...

C’erano anche i tre figli della coppia questa mattina in casa ad Arese, dove un uomo di 41 anni ha ucciso a coltellate la...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !