Home SARONNESE Due aziende portate sul lastrico, 6 denunciati e 100mila euro sequestrati

Due aziende portate sul lastrico, 6 denunciati e 100mila euro sequestrati

Gdf SaronnoDue aziende portate volontariamente verso il fallimento: 6 persone denunciate e 100mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di Finanza.

I Finanzieri della Compagnia di Saronno, coordinati dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, hanno eseguito mirate investigazioni nei confronti di due aziende, i cui amministratori, per sottrarsi al pagamento di consistenti passività riferite a debiti, sia verso i fornitori che nei
confronti di alcuni Enti statali per imposte, tasse e contributi mai versati, avevano attuato operazioni societarie per svuotare le imprese dei beni e delle residue disponibilità finanziarie al fine di condurle al fallimento.

Le Fiamme Gialle saronnesi hanno denunciato alla Procura della Repubblica 6 soggetti che, a vario titolo, dovranno rispondere dei reati di bancarotta fraudolenta, riciclaggio e autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Le finalità illecite erano diverse: da una parte distrarre beni e residue disponibilità finanziarie e patrimoniali per far fallire le imprese; dall’altra parte, appropriarsi di quanto sottratto per fini personali o per realizzare investimenti in altre aziende di comodo intestate a prestanome, reclutati
fra ex dipendenti.

Gli stessi amministratori, per evitare che potessero essere individuate e scoperte le condotte illecite poste in essere, non hanno esitato ad occultare e distruggere libri e scritture contabili.

L’attività investigativa, estesa anche al territorio campano, ha permesso di acquisire una mole di documentazione, la cui analisi, eseguita con l’ausilio delle indagini bancarie, ha consentito di ricostruire i flussi finanziari delle operazioni gestionali, permettendo di delineare un quadro accusatorio che ha consentito all’Autorità Giudiziaria di emettere un decreto di sequestro preventivo di automobili, autotreni aziendali e un immobile in Calabria, fraudolentemente alienato ad altro compiacente soggetto, parimenti indagato dalla Procura per intestazione fittizia di beni.

Il sequestro di tali beni, stimato in oltre 100.000 euro, ha lo scopo di tutelare i creditori, fra cui, i dipendenti e/o piccoli artigiani, truffati dal sodalizio criminale.

Le operazioni di servizio appena ultimate sono finalizzate a reprimere in maniera incisiva e trasversale i contesti criminali che creano maggiore allarme sociale, attraverso l’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati con i profitti derivanti da reati economico-finanziari.



EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Cabiate: bambina violentata a 18 mesi, arrestato 25enne di Lentate. Salvini: “Castrazione chimica”

"Per il mostro che ha commesso questo crimine orrendo l’auspicio di una vita in prigione, con castrazione chimica, senza sconti, senza pietà, in attesa...

Zona arancione domenica 24: negozi e supermercati aperti, centri commerciali chiusi

La Lombardia si è risvegliata zona arancione dopo il pasticciaccio dei dati errati sui contagi che hanno fatto schizzare l'indice RT imponendo una settimana...

Lombardia zona arancione, negozi aperti e spostamenti consentiti nel proprio Comune

Che la colpa sia della Lombardia o che sia del Governo, è certo che da domani, domenica 24 gennaio, la Regione tornerà in...
carabinieri Mariano Comense

Cabiate, bimba morta in casa: maltrattamenti e violenza sessuale dal compagno della madre

L’11 gennaio scorso una bimba di soli 18 mesi era morta all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove era stata trasportate d’urgenza per le...
carabinieri auto

Lainate, una testa di maiale e un’esplosione per l’azienda in crisi

I carabinieri sono intervenuti ieri mattina a Lainate in seguito ad un’esplosione nel parcheggio davanti alla sede di una ditta, già oggetto di atti...

Rapinano un tir e sequestrano l’autista: 4 in carcere e uno agli arresti domiciliari

Nella mattinata di oggi 23 gennaio, i Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti...
Limbiate Luciano Camerra

Limbiate, lo sfogo del medico di base su Facebook: “Siamo pochi e ci trattate...

Da 36 anni medico di base a Limbiate, Luciano Camerra ha reagito all’ennesimo post su Facebook in cui si accusava in maniera generica la...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !